Un circo tedesco si rifiuta di far esibire gli animali. Creano dei maestosi ologrammi per poterli ammirare

Fortunatamente, qualcuno ha iniziato a dimostrare che è possibile evitare inutili abusi e maltrattamenti sugli animali. Si tratta del Circus Roncalli, la prima compagnia circense che è riuscita a rimpiazzare gli animali durante gli spettacoli con degli imponenti ologrammi.

Il Circus Roncalli ha creato il perfetto connubio tra la conoscenza tecnologica e l’amore nei confronti degli animali, riuscendo a rappresentarli in tutta la loro magnificenza, con rispetto e, soprattutto, lasciandoli liberi nei loro habitat naturali.

Gli animali vengono utilizzati nelle esibizioni circensi fin dal XV secolo, quando i Sinti, un’etnia di origine gitana, arrivarono in Europa. La loro principale attività consisteva nell’intrattenere le persone per strada con degli spettacoli, duranti i quali, per attirare il pubblico, venivano esibiti cavalli, orsi e scimmie addestrati.

Mentre il circo “moderno” è nato nel 1768 da un’idea di Philip Astley. L’uomo pensò di mettere in scena degli spettacoli con dei clown e dove venivano esibiti cavalli ammaestrati e si mostravano dei giochi di abilità.

Però sembra che questi abusi stiano per finire, negli ultimi anni sono state fatte molte campagne contro l’utilizzo degli animali negli spettacoli circensi e sempre più persone si sono avvicinate a questo problema.

La creatività dell’essere umano può essere usata per fare del bene e questo circo lo ha dimostrato. Esisterà sempre una soluzione che non danneggia nessuno.

Ti piacerebbe assistere ad uno di questi spettacoli? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano conoscere questa splendida idea. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

17K Condivisioni

Cosa ne pensi?


I contenuti di questo sito sono protetti e monitorati da: DMCA.com Protection Status è vietata la copia, la riproduzione senza consenso, l'alterazione e prelevare qualsiasi contenuto del presente sito web.
<
>