Foto: scene di vita insieme ad una bambola

Una notizia molto stravagante e che sta facendo il giro del web, è sicuramente quella che parla di alcuni uomini giapponesi che hanno fatto “outing” e si sono mostrati in pubblico insieme alle loro compagne. Fino a qui, ovviamente, nulla di strano, se non fosse che le partner di questi giapponesi innamorati sono finte, ovvero sono delle bambole.

Si tratta di una moda che sta prendendo sempre più piede e che lascia ancora molte persone a bocca aperta. Le bambole, la cui riproduzione è molto molto simile alla realtà, vengono chiamate sex dolls, ma di fatto, non hanno solo la classica funzione che tutti conoscono e per la quale vengono spesso nascoste sotto ai letti o dentro agli armadi.

In realtà, questi uomini sono ben felici ed orgogliosi di mostrarle al mondo, tanto che alcuni di loro sono addirittura giunti ad accordi con la propria famiglia. Questo è il caso del sig. Masayuki Ozaki, il quale è riuscito a convincere moglie e figlia a convivere sotto lo stesso tetto con Mayu, la bambola.

L’uomo racconta che dopo la nascita della figlia il rapporto a livello intimo con la moglie era molto cambiato. La moglie afferma che dopo aver terminato di fare tutti i lavori domestici e le commissioni per la propria famiglia, preferisce mettersi a dormire piuttosto di intrattenere rapporti con il marito e, per questo, cerca di ignorare la presenza di Mayu nella propria casa.

Ozaki è un fisioterapista ed ha pensato di munirsi di una sedia a rotelle per trasportare la propria amata ovunque. D’altronde, sostiene che le donne giapponesi sono troppo egoiste e che gli uomini sono solo alla ricerca di qualcuno con cui parlare prima di tornare a casa a farsi sgridare dalle mogli.

Non confondiamoci pensando che le bambole possano essere come i giocattoli per i bambini, queste sex dolls vantano una tecnologia talmente avanzata che al solo tatto, sembra di toccare pelle vera. Gli esperti si dicono preoccupati dato l’elevato aumento di vendite di questa tipologia di bambole, in quanto questo comporta un sempre minore numero di nascite.

Potrebbe interessarti:
Back to top button