Ha pubblicato su Facebook una foto con il suo nuovo cane. 2 ore più tardi diversi poliziotti erano fuori dalla sua porta

Erroneamente ed ignorantemente la società ha demonizzato la razza di cani pitbull sostenendo che è la più pericolosa e che nessuno dovrebbe avere questo tipo di cani, in quanto rappresentano un vero pericolo e dovrebbero sempre essere portati al guinzaglio e con la museruola.

La verità è che il comportamento di un cane dipende molto, se non quasi totalmente, dall’educazione che gli viene data dal padrone. Un cane di qualsiasi razza che vive in un ambiente dove viene maltrattato, o dove non riceve le giuste attenzioni, oppure che viene abbandonato, è chiaro che non saprà convivere con gli esseri umani, ne avrà timore e per questo starà sempre sulla difensiva anche quando non ce ne sarà bisogno.

A prescindere dalla reputazione che hanno i pitbull, molti di noi sono testimoni di quanto questi esseri siano pieni di amore e di bontà, oltre ad essere molto giocosi ed eccellenti protettori. Tillery è un giovane uomo che è d’accordo con tutto questo, tanto che quando ha avuto l’opportunità di adottare un cucciolo di pitbull non ha perso l’occasione. Il primo giorno era talmente felice che ha voluto mostrare subito il suo nuovo amico a tutti i suoi contatti di Facebook, senza immaginare che questo gesto gli avrebbe portato molti problemi.

Tillery ha deciso di chiamare il suo nuovo amico Diggy, poi ha postato una foto di entrambi su Facebook. Chiaramente, su internet le notizie viaggiano alla velocità della luce e poche ore dopo aver pubblicato la foto, la polizia stava già bussando alla sua porta. Un “amico” lo aveva denunciato per il possesso del pitbull, in quanto questa razza è vietata in Michigan, così Tillery non ha potuto fare altro che consegnare Diggy ai poliziotti e dirgli addio.

Il giovane però non si è arreso ed ha cominciato ad informarsi sulle leggi, voleva trovarne una che gli permettesse di riportare a casa il proprio amico. Scavando nell’albero genealogico di Diggy ha scoperto che in realtà il suo amico non era veramente un pitbull, bensì un bulldog americano. La scoperta lo ha riempito di gioia, in quanto con questa informazione avrebbe potuto riavere con sé il simpatico Diggy.

Una volta arrivato alla stazione di polizia ha scoperto che i poliziotti avrebbero potuto identificare con esattezza la razza del cane solo con la consulenza di uno specialista, cosa che non è successa quando lo hanno portato via da casa sua, pertanto tutto è avvenuto in maniera illegale. Ora tutto era dalla sua parte e la legge non avrebbe potuto impedirgli di avere indietro il proprio cane.

Tillery non si è mai arreso, nonostante il processo per recuperare il proprio cane è stato molto lungo ed estenuante, così alla fine Diggy è tornato a casa ed entrambi non avrebbero potuto essere più felici. Finalmente il cagnolino avrebbe avuto una famiglia e tanto amore.

Fortunatamente questa storia, nonostante tutto, ha avuto un finale felice. Tuttavia, padroni di altre razze non hanno avuto la stessa fortuna ed hanno dovuto dire addio con tanto dolore ai propri amici a quattro zampe.

Diggy è diventato una celebrità su internet perché si è parlato molto del suo caso. Anche se ora ha tantissimi amici, siamo sicuri che il suo preferito rimarrà sempre Tillery. Se l’uomo non avesse insistito, sicuramente Diggy avrebbe dovuto affrontare la triste realtà che vivono molti altri sfortunati cagnolini.

Cosa persi di questa storia? Credi che sia giusto demonizzare la razza pitbull? Lasciaci un tuo commento e condividi la storia con i tuoi amici.

Non dimenticare di appoggiarci con un Like sulla pagina Facebook Curiosando si impara.

Condivisioni 3K

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *