Nessuno è andato al compleanno di suo nipote e lei si è sfogata su Facebook. Guarda cosa è successo dopo!

Gerald è un bambino di 9 anni normale come qualsiasi altro bambino, la società si è incaricata di catalogarlo come speciale perché soffre di una condizione per la quale ha dovuto sottoporsi a varie espansioni craniche, nonostante la sua giovane età. Per questo motivo, il piccolo ha difficoltà nell’apprendimento, tuttavia, si impegna molto, cerca di condurre una vita normale e la sua famiglia è di grande appoggio per lui.

Al suo ultimo compleanno sua madre e sua nonna hanno deciso di organizzare una festa ed hanno invitato tutti i bambini della sua classe. Senza alcuna sensibilità, nessun genitore ha permesso al proprio figlio di partecipare alla festa di Gerald, in quanto non è un bambino “normale” e per questo non va bene che frequenti gli altri bambini.

In seguito al rifiuto dei genitori, la nonna si è sfogata su Facebook ed ha scritto che suo nipote fatica ad apprendere per via dei 5 interventi chirurgici di espansione cranica a cui ha dovuto sottoporsi e che il percorso per essere alla pari con gli altri bambini è molto lungo. Inoltre, ha affermato che nonostante la sua condizione è un bambino molto carismatico, buono e gentile.

Sua madre ha distribuito circa 30 inviti nella sua classe e la metà ha confermato la propria presenza. Gerald, pieno di entusiasmo, ha controllato ogni dettaglio della sua festa, in quanto voleva che i suoi amici vedessero che tutto era perfetto, era davvero emozionato e si era preparato puntualmente per accogliere i propri invitati. Tuttavia, qualcosa è andato storto, perché l’orologio segnava già le 6 e ancora nessuno si era presentato, la voglia di tagliare la torta era completamente svanita.

La madre non ha potuto sopportare di vedere il suo piccolo così triste, così ha deciso di chiamare i genitori per sapere cosa fosse successo. Loro hanno risposto così: “I nostri figli non possono giocare con qualcuno che non è uguale a loro“.

L’unica cosa che desiderava questo bambino di 9 anni, era quella di trascorrere un giorno speciale in compagnia dei suoi “amici”, correre e giocare, però non è stato possibile. L’intenzione della nonna di pubblicare l’accaduto su Facebook era quella di ottenere quanti più auguri possibili per il proprio nipotino, assicurando che li avrebbe consegnati personalemente tutti quanti.

In pochi minuti il post è diventato virale, tanto da rendere possibile la tanto desiderata festa di compleanno. Lo hanno festeggiato nel palazzo del Comune della Città, dove gli hanno permesso di giocare con un cane poliziotto, ha ricevuto dei regali incredibili ed ha approfittato di dolci e caramelle.

Vi ringrazio davvero con il cuore in mano per ciò che avete fatto per mio nipote, lui è molto felice di aver avuto una vera festa di compleanno e di aver ricevuto così tanti auguri, non sapete quanto vi sia riconoscente per il vostro aiuto, quella situazione mi aveva spezzato il cuore. Grazie a voi, io e la mia famiglia abbiamo potuto constatare che non tutte le persone sono cattive e che sono molte di più quelle che hanno un grande cuore. Mille grazie!” ha scritto la nonna di Gerald in un altro post, dopo i festeggiamenti per il nipotino.

Perché nonostante tutto continuiamo a vivere in un mondo di apparenze? Fino a dove arriveranno la nostra vanità, superficialità e ignoranza? Riflettiamo un po’ sulle nostre azioni, perché è con quelle che riflettiamo il valore della nostra anima.

Questa bella storia merita di essere condivisa, applausi a tutte le persone che hanno reso possibili i festeggiamenti per il compleanno di Gerald. 🙂

La CBS di Chicago ha fatto un servizio su Gerard:

Condivisioni 50K

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *