Una donna assume un vagabondo e dopo 2 settimane trova questo in cucina

A Minneapolis, Stati Uniti, Abi ha una caffetteria che si chiama Abi’s Café. Oltre ad essere la proprietaria, la donna lavora anche all’interno del locale e le piace avere sempre tutto sotto controllo, sia per quando riguarda i clienti che il personale.

Tutti noi sappiamo bene che quando non si ha esperienza, si hanno dei precedenti penali o si hanno più di 30 anni, trovare un lavoro può risultare molto difficile e, per questo, tante persone finiscono per ritrovarsi in mezzo ad una strada ad elemosinare, proprio come è successo a Marcus che un giorno è entrato nel bar di Abi.

Facebook / Cesia Abigail

Mi regaleresti una monetina? 

Disse Marcus ad Abi, la quale in quel periodo aveva alcuni problemi economici, però al tempo stesso aveva bisogno di un aiuto nel locale. Così la donna rispose:

Io ti vedo sano, non sarebbe meglio che ti guadagnassi i tuoi soldi con un lavoro?

Marcus le rispose che gli sarebbe piaciuto molto poter lavorare e che, a dire tutta la verità, camminare per la strada chiedendo monetine era davvero penoso, però alla fine uno si abitua e per il bisogno di mettere qualcosa sotto i denti si arriva a fare anche questo. In passato l’uomo aveva commesso diversi errori ed aveva avuto dei problemi con la giustizia, questo non gli permetteva di trovare un lavoro dignitoso. Grazie alla sincerità dell’uomo, Abi decise di fargli una proposta.

Google Images

In molti avrebbero potuto dare un lavoro a Marcus, però fu Abi quella che gli aprì la porta, una bellissima azione che tutti dovremmo prendere d’esempio, perché ci ha dimostrato che, per fortuna, di persone con un grande cuore ne esistono ancora.

Per Abi riuscire a portare avanti la caffetteria era una sfida quotidiana, tuttavia, aveva bisogno di qualcuno che le desse una mano in cucina con le pulizie, così, senza alcun dubbio, decise di offrire un impiego a Marcus in cambio di cibo quotidiano, con la promessa che quando l’attività si sarebbe stabilizzata avrebbe cominciato anche a pagarlo.

Facebook / Cesia Abigail

Marcus era molto felice ed accettò la proposta, non poteva credere che qualcuno gli stesse offrendo un lavoro ed i suoi occhi si riempirono di lacrime.

Abi ha condiviso questo aneddoto sul suo profilo di Facebook ed attraverso il post ha continuato a fare dei commenti molto positivi nei confronti di Marcus. Ha scritto che non solo eseguiva perfettamente il lavoro che gli era stato assegnato, bensì la aiutava anche per altre mansioni. L’uomo era sempre pronto a darle una mano. Marcus era molto responsabile ed ogni giorno arrivava in perfetto orario e rispettava tutte le regole.

Quando finalmente il bar ha iniziato a dare i suoi frutti, Marcus ha cominciato a ricevere una paga e con la stessa comprava il suo cibo. Non permetteva più ad Abi di regalargli da mangiare, si sentiva molto orgoglioso di poterla pagare con i suoi sforzi lavorativi. L’uomo ha confessato che questo lo faceva sentire una persona migliore, inoltre è riuscito a recuperare la fiducia in se stesso ed a guadagnare quella degli altri. Marcus non aveva solo ottenuto un lavoro, ma di fatto anche molti amici.

Facebook / Cesia Abigail

Alla fine Marcus ha dimostrato di pasta è veramente fatto quando, in un’occasione, Abi lo vide comprare la colazione ad una donna senzatetto, questo le riempì il cuore di gioia. Non c’è dubbio che coloro che hanno di meno, sono coloro che danno di più, non credi?

Non dobbiamo giudicare le persone che stanno per le strade chiedendo monete, sarebbe invece bello poter offrire loro qualcosa che gli porti dei benefici concreti e che li aiuti a cambiare la situazione in cui sono.

Non è mai troppo tardi per fare qualcosa di buono per qualche sconosciuto e nemmeno per dare una seconda possibilità, perché tutti ce la meritiamo. Condividi questa storia se anche tu sei d’accordo con il fatto che tutti meritiamo una seconda opportunità.

Cosa ne pensi? Lasciaci un commento e non dimenticare di appoggiarci con un Like sulla pagina Facebook Curiosando si impara.

Condivisioni 10K

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *