Un padre manda il figlio a scuola con un registratore nascosto, non può credere a ciò che sente dopo

Nessuno conosce un bambino meglio dei suoi genitori. Per questo, è molto preoccupante quando vedi tuo figlio fare delle cose che sembrano nuove ed inusuali. Questa storia è di alcuni anni fa, ma si tratta di un argomento molto importante e, purtroppo, ancora attuale.

 

Quello che è successo a questo papà, può farti capire che bisogna sempre fidarsi del proprio istinto.

Il figlio di Stuart Chaifetz si chiama Akian, all’epoca aveva 10 anni e studiava in una scuola nella quale, presumibilmente, avrebbe dovuto ricevere tutto l’aiuto di cui aveva bisogno. Dopo un anno in quella scuola, Stuart aveva notato che il comportamento del figlio era cambiato, non era più il bambino tranquillo e felice di una volta.

Così, l’uomo ha iniziato ad avere dei sospetti, c’era qualcosa che non andava. Inoltre, la scuola aveva cominciato a mandare a casa delle note nelle quali si riferiva al genitore che Akian si comportava male in classe e che il suo atteggiamento era spesso aggressivo, ma questo era un lato del figlio che Stuart non aveva mai visto.

Naturalmente, ha voluto andare a fondo della questione ed ha chiesto aiuto ad una terapista perché potesse scoprire quale fosse la causa dello strano comportamento del bambino. Voleva sapere cosa ci fosse dietro ai cambiamenti del figlio, però, non ricevette risposte ai suoi interrogativi ed Akian continuava a peggiorare.

Sospettava del fatto che qualcosa o qualcuno all’interno della scuola stesse provocando questo comportamento in maniera così improvvisa. A quel punto, Stuart doveva muoversi e decise di scoprire cosa stesse succedendo a scuola.

 

Un giorno, l’uomo ha nascosto addosso al figlio un registratore di modo da ottenere tutte le risposte di cui aveva bisogno. Ma non avrebbe mai immaginato di sentire le parole che aveva registrato.

La registrazione aveva rivelato che il bambino veniva costantemente sgridato dall’insegnante e dal suo assistente. Abusavano verbalmente di Akian e gli dicevano delle parole oscene.

Dopo aver ascoltato le sei ore di registrazione, i motivi dello strano comportamento del figlio erano ormai ben chiari ed il tutto era ancora peggio di quello che avrebbe mai potuto immaginare.

La cosa più brutta è stato ascoltare Akian che si alterava perchè alla sua richiesta di vedere il padre, gli veniva dato come risposta un secco no. Inoltre, si potevano sentire chiaramente il professore e l’assistente scherzare sul proprio abuso di alcol e fare discorsi a sfondo sessuale. Nella classe di Akian c’erano solamente dei bambini con problemi e Stuart, durante un’intervista all’Huffington Post, ha detto che i due adulti non si sarebbero mai permessi di usare termini del genere se fosse stata una classe tradizionale.

L’uomo sapeva che la registrazione non avrebbe portato i due uomini davanti ad un giudice, però decise di farla avere all’ufficio del preside. Purtroppo, le cose non sono proprio andate come Suart si aspettava, infatti l’unico che venne licenziato fu l’assistente, mentre l’insegnante venne trasferito in una scuola frequentata da dei ragazzi più grandi.

Il padre di Akian si è battuto e si sta ancora battendo molto contro il bullismo nelle scuole. Ha aperto una pagina Facebook chiamata No More Teacher Bullies e di seguito puoi vedere il suo video in lingua inglese, dove è presente anche la famosa registrazione:

Cosa avresti fatto se fossi stato al posto di questo papà? Lasciaci un messaggio e non dimenticare di condividere questa storia con i tuoi amici e di appoggiarci con un Like sulla pagina Facebook Curiosando si impara.

Condivisioni 2K

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *