Una mamma bianca dà alla luce 3 bimbi di colore. Poi il padre guarda da vicino e scoppia in lacrime

Anche se siamo già nel 2018, il razzismo ed i pregiudizi continuano a contaminare il mondo.

Molte persone mantengono opinioni ristrette ed eccessivamente semplicistiche su come “dovrebbe essere” una famiglia.

Aaron e Rachel Halbert, sono un marito ed una moglie statunitensi che, periodicamente, prestano servizio umanitario nelle missioni in Honduras. Purtroppo, questa coppia ha conosciuto tali pregiudizi da molto vicino, nonostante il rispetto che meriterebbe per alcune coraggiose decisioni che ha preso negli ultimi anni.

Gli Halbert, prima hanno adottato due bambini e poi hanno deciso di fare un passo in più quando sono venuti a conoscenza della possibilità di adottare degli embrioni.

Negli Stati Uniti, come in Spagna ed in altri paesi, esiste la possibilità di adottare embrioni soprannumerari, ovvero embrioni congelati lasciati nelle cliniche da altre coppie che, per esempio, si sono sottoposte a dei cicli di fecondazione assistita, sono riuscite ad avere dei figli ed hanno deciso di donare gli embrioni soprannumerari.

Aaron e Rachel erano decisi ad offrire una casa a molti più bambini che altrimenti non avrebbero avuto una famiglia ed in questo caso nemmeno una vita, così hanno scelto di seguire questo percorso.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10103240474924336&set=pb.26519002.-2207520000.1524323553.&type=3&theater

La coppia sognava da tempo di avere dei bambini, ma Rachel non riusciva a rimanere incinta e così decisero di adottare un bimbo ed una bimba.

Gli Halbert erano consapevoli del fatto che un bambino con la pelle bianca avrebbe avuto più possibilità di essere adottato rispetto ad un bimbo di colore; sapevano benissimo che la loro decisione avrebbe provocato delle reazioni molto forti tra la gente, ma non cambiarono idea ed adottarono due bimbi con la pelle più scura.

“Sapevamo bene che, specialmente qui nel sud (Stati Uniti), una coppia bianca con dei figli che non sono bianchi avrebbe attirato molti sguardi e molte reazioni diverse da parte della gente. Ci sarebbe sempre stata una donna anziana da Walmart che ci avrebbe guardato con disgusto, o una madre afroamericana che ci avrebbe guardato facendo di no con la testa”, ha raccontato Aaron al Washington Post.

Nonostante tutto, Aaron e Rachel erano molto felici della loro piccola famiglia.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10102146248522816&set=pb.26519002.-2207520000.1524323553.&type=3&theater

Però, quando scoprirono che esisteva la possibilità di adottare degli embrioni decisero di provare. Durante uno dei colloqui in clinica, venne chiesto alla coppia di quale etnia volessero che fossero i loro futuri figli ed i due dissero di avere il desiderio che i nuovi bimbi si sentissero connessi con i fratellini più grandi sotto il punto di vista razziale. Il team di esperti concordò con l’opinione degli Halbert e, per questo, sostennero la decisione di selezionare degli embrioni afroamericani.

A Rachel vennero impiantati due embrioni afroamericani, i quali erano rimasti congelati per più di 15 anni. Dopo qualche tempo, arrivò il momento tanto atteso di sapere se la donna fosse effetivamente rimasta incinta. Si recarono in un ospedale locale in Honduras e qui ricevettero un’enorme sorpresa.

“Cominciammo a raccontare tutto al medico cercando di farci capire con il nostro pessimo spagnolo e lui ci chiese varie volte se fossimo certi che gli embrioni impiantati fossero soltanto due. Noi rispondemmo che ne eravamo sicuri”, racconta Aaron.

La coppia scoprì con sorpresa che uno degli embrioni si era diviso nell’utero di Rachel. Ora, non solo avevano la conferma che la donna fosse rimasta incinta ma che erano in attesa di ben tre gemelli.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10103312100077075&set=pb.38421543.-2207520000.1524322810.&type=3&theater

Durante il parto non ci furono problemi ed Aaron e Rachel, finalmente, erano i genitori di 5 splendidi bambini.

“È stato incoraggiante vedere quasi tutti i nostri amici e familiari esprimere il proprio sostegno nei confronti della nostra famiglia e dell’insolito modo in cui l’abbiamo formata. Stiamo vivendo il nostro sogno. Un sogno che potrebbe non assomigliare a quello della maggior parte delle famiglie, ma siamo grati che sia potuto diventare realtà”, afferma l’uomo.

Sono semplicemente adorabili.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10103312101743735&set=pb.38421543.-2207520000.1524322810.&type=3&theater

“Ricordo che un amico, mentre stava affrontando un processo di adozione, mi disse che avrebbe voluto che la sua famiglia assomigliasse un po’ alle Nazioni Unite. Quando guardo la mia famiglia vado un po’ oltre, mi azzardo addirittura a dire che è un piccolo angolo di paradiso”, racconta orgoglioso Aaron.

L’amore per un figlio non ha nulla a che vedere con il DNA, con il sangue o con il colore della pelle!

Cosa ne pensi di questa stupenda famiglia? Lasciaci un commento e non dimenticare di condividere questa bellissima storia d’amore con i tuoi amici. Tutte le persone sono uguali ed ognuno di noi ha il diritto di formare la propria famiglia come meglio crede, senza doversi preoccupare dell’opinione degli altri.

Seguici per altre curiosità sulla pagina Facebook Curiosando si impara e se hai un account Pinterest puoi seguire la nostra nuova pagina con argomenti suddivisi per categorie QUI

Potrebbe interessarti:
Back to top button