“La bellezza del saluto”, una piacevole riflessione di come essere educato può salvare la tua vita

Una storia racconta di un uomo che lavorava presso un impianto di confezionamento di carni.

Un giorno, mentre stava per finire il proprio turno di lavoro, l’uomo dovette andare a controllare qualcosa all’interno di una cella frigorifera, ma ad un tratto la porta si chiuse dietro di sè e rimase intrappolato dentro.

Colpì la porta con forza per diverse volte ed iniziò a gridare, ma nessuno riusciva a sentirlo.

La maggior parte dei suoi colleghi se n’era già andata a casa ed era praticamente impossibile che qualcuno potesse sentire le sue richieste di aiuto per via dello spessore della porta.

Erano ormai trascorse cinque ore e l’uomo si trovava ancora all’interno della cella frigorifera, la sua vita era gravemente in pericolo.

Però, all’improvviso si aprì la porta, era la guardia di sicurezza che entrò e lo salvò. Dopodiché, i proprietari dell’azienda chiesero alla guardia: “Come mai sei andato ad aprire quella porta, visto che non rientra nelle tue mansioni di lavoro?”.

E l’uomo rispose: “Lavoro in questa ditta da 35 anni; centinaia di lavoratori entrano nell’impianto ogni giorno, però lui è l’unico che mi saluta ogni mattina e ogni sera. Il resto degli operai mi tratta come se fossi invisibile”.

“Questa mattina mi ha detto ‘Buongiorno’ quando è entrato, ma poi non l’ho sentito dire: A domani”.

“Io aspetto ogni giorno questi ‘Buongiorno’ e questi ‘Ciao, ci vediamo domani’. Sapendo che non mi aveva ancora salutato ho pensato che dovesse essere in qualche posto all’interno dell’edificio, per questo l’ho cercato e l’ho trovato”.

Come ti sembra questa bella riflessione riguardo a quanto può essere importante la buona educazione? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggerla. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Back to top button