7 animali che a causa dell’uomo sono scomparsi

Sembra che la nostra inconsapevolezza rispetto al grande danno che stiamo facendo all’ambiente e di conseguenza alla flora ed alla fauna, aumenti sempre di più con il passare degli anni. E questo accade nonostante le innumerevoli campagne informative che ci dovrebbero rendere coscienti di come le nostre cattive azioni si stanno ripercuotendo sul pianeta.

Sfortunatamente, queste azioni hanno portato all’estinzione di diverse specie di animali, ma noi persone continuiamo a pensare che “tanto non succede nulla”, mentre piano piano sta scomparendo l’intero patrimonio naturale della nostra Terra.

Man mano passa il tempo, gli animali vanno via via scomparendo ad una velocità allarmante e la causa principale è il predatore numero uno: l’essere umano.

Di seguito 7 specie animale che si sono estinte a causa dell’uomo:

1# Tigre di Java

La tigre di Java o Panthera tigris sondaica viveva unicamente sull’isola di Giava, in Indonesia. La sua estinzione è stata provocata dalla costante crescita della popolazione sull’isola, a causa della quale molte aree sono state disboscate per fare spazio alle coltivazioni, ma privando questi animali di gran parte del proprio habitat naturale.

Inoltre, durante gli anni ’60 una specie di cervo proveniente dal sud-est asiatico venne decimata per via delle malattie, questi animali erano tra le più importanti prede delle tigri di Java. Nel 1972, un’intera area venne dichiarata riserva naturale, ma questi ultimi tentativi di salvare questi straordinari animali non sono serviti e dal 1979 non c’è più stato nessun avvistamento.

Nell’immagine sottostante la tigre di Sumatra, molto simile alla tigre di Java.

Portrait of Sumatran tiger (Panthera tigris sumatrae) resting
Keywords: animal, carnivore, cat, confident, danger, ears, eyes, feline, food, fur, furry, grace, hunger, hungry, hunter, jungle, mouth, nature, neck, pattern, paw, pet, portrait, predator, prey, purr, raptor, striped, stripes, tail, teeth, tiger, tigress, tongue, tooth, wild, wildcat, wildlife, ZOO, Sumatra

2# Moa gigante

Questo particolare uccello senza ali viveva in Nuova Zelanda, raggiungeva un’altezza di circa 3 metri e mezzo, pesava intorno ai 250 kg e le sue uova potevano pesare fino a 10 kg.

Intorno all’anno 1280 gli esemplari di Moa erano circa 58 mila, poi a causa della sempre più densa distribuzione sul loro habitat naturale degli antenati dei Maori e la continua caccia li hanno fatti estinguere intorno al 1500. Si pensa che alcuni esemplari siano riusciti a sopravvivere nelle zone più remote del paese fino al XVIII secolo.

3# Rinoceronte bianco settentrionale

Questa sottospecie di rinoceronti, in passato, viveva in Sudan, Ciad, Uganda e nella Repubblicata democratica del Congo. Prima del 1970 si potevano contare circa 500 esemplari in libertà, ma appena 10 anni dopo il loro numero si è drasticamente ridotto a 15, fino ad arrivare alla completa estinzione nel marzo di quest’anno.

La loro scomparsa è stata imputata alle continue guerre civili ed al bracconaggio che ha portato alla morte anche di quattro tra gli ultimi esemplari, i quali stavano per essere trasferiti in un’area protetta ma sono stati uccisi dai bracconieri nelle prime fasi del trasporto.

Nel 2018 è mancato anche Sudan, l’ultimo maschio della specie e, attualmente, solamente due femmine nate in cattività sono ancora in vita.

By Mistvan [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html) or CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)], from Wikimedia Commons

4# Dodo

Si trattava di un uccello che nidificava a terra ed era incapace di volare che abitava l’isola di Mauritius, questo territorio è stato molto favorevole per questi animali per via della scarsità di predatori e per l’ottimo clima che non richiedeva migrazioni, fino a che, nella seconda metà del XVII secolo, si è rapidamente estinto dopo l’arrivo dei coloni portoghesi ed olandesi.

La causa della sua estinzione è stata attribuita al disboscamento del loro habitat ed all’introduzione di animali come maiali, ratti, cani, gatti e scimmie che apprezzavano le loro uova, le quali erano facilmente reperibili per via della nidificazione a terra. Si dice che l’ultimo esemplare di questo stupendo animale sia stato avvistato nel 1662.

5# Ritina di Steller

Probabilmente, è stato il più grande mammifero marino erbivoro mai esistito in epoca storica, fatta eccezione per le balene. Alcuni esemplari arrivavano a misurare gli 8 metri di lunghezza e pesavano all’incirca 10 mila kg.

Questa specie venne scoperta da alcuni naufraghi nel 1741, i quali vennero trascinati sull’isola di Bering da una tempesta. Da qui in poi, trascorsero solamente 27 anni prima della totale estinzione di questo mansueto animale, la sua carne era molto prelibata ed il suo grasso ritenuto di grande qualità.

By Emőke Dénes (kindly granted by the author) [CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0), CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0) or CC BY-SA 2.5 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5)], via Wikimedia Commons

6# Piccione migratore

In un solo secolo è passato dall’essere l’uccello più diffuso in Nord America, alla completa estinzione. Nonostante il nome, non si tratta di una specie di piccione, ma fa parte della famiglia delle tortore. Si dice che per l’enorme quantità di esemplari presenti in uno stormo, questi uccelli impiegassero diversi giorni per attraversare un’area durante la migrazione.

Tuttavia, questi animali erano considerati molto fastidiosi per il fatto che fosse impossibile sopprtare il rumore dello sbattere delle ali quando ci si ritrovava vicino ai loro nidi. Un solo albero poteva ospitare anche 10 nidi.

Le cause della loro estinzione sono da attribuirsi ad una riduzione del loro habitat per via del disboscamento, alle condizioni climatiche sfavorevoli, alla distruzione di molte colonie da parte dell’uomo ed alla caccia per via della prelibatezza della loro carne.

By Keith Schengili-Roberts (Own Work (photo)) [GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html), CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/) or CC BY-SA 2.5 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.5)], via Wikimedia Commons

7# Rinoceronte nero occidentale

Si trattava della sottospecie più rara del rinoceronte nero. Arrivavano a misurare circa 3,5 metri, pesavano intorno ai 1300 kg ed avevano due corni. Viveva nelle savane dell’Africa occidentale e nel 2011 è stato dichiarato estinto.

Questo animale venne cacciato fin dall’inizio del XX secolo dai bracconieri e nel 1980 si potevano contare solamente un centinaio di esemplari. Nonostante questi allarmanti dati, il bracconaggio non si è mai fermato e nel 2000 gli esemplari in vita erano solamente una decina.

Forse reagiremo quando non ci sarà più alcuna specie animale sulla faccia della Terra. È necessario prendere coscienza quanto prima, rivedendo le nostre azioni e lasciando da parte l’egoismo, perché quando crediamo che “tanto non succede nulla”, un animale sta perdendo la vita.

Cosa ne pensi? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano venire a conoscenza di queste importanti informazioni. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

781 Condivisioni

Cosa ne pensi?


<
>