Una “banda” di motociclisti irrompe nei combattimenti di cani e allontana gli animali dai proprietari crudeli

Un gruppo di motociclisti tatuati, il cui aspetto provoca timore anche solo nel vederli da lontano, ha salvato moltissimi animali negli Stati Uniti. Loro investigavano su casi di abusi su animali, si avvicinavano ai proprietari e li invitavano a consegnargli i loro animali. Gli uomini collaboravano con diversi rifugi, li aiutavano nella riabilitazione e trovavano nuove famiglie a cani, gatti e cavalli.

Embed from Getty Images

Questi grandi motociclisti facevano parte dell’organizzazione Rescue Ink e, nel corso degli anni, sono riusciti a togliere molti animali dalle mani di proprietari crudeli, anche quando le forze dell’ordine non potevano fare nulla.

Rescue Ink era un’organizzazione no profit di difensori dei diritti degli animali. Il tutto iniziò con un gruppo di volontari di New York, negli Stati Uniti. L’intera squadra comprendeva motociclisti, ex campioni di bodybuilding e di sollevamento pesi, ex militari, poliziotti e avvocati. Il gruppo ha lavorato molto attivamente dal 2008 fino al 2014.

“Alcune persone ci considerano degli eroi. Ma la verità è che siamo super amici e super difensori degli animali”

Embed from Getty Images

Rescue Ink ha collaborato con la polizia e con diverse organizzazioni sociali, facendo tutto il possibile, nel rispetto della legge, per proteggere gli animali da trattamenti crudeli e irrispettosi. Il loro operato dipendeva completamente dalle donazioni.

Solo per email, il gruppo riceveva tra le mille e le 3 mila segnalazioni al giorno da persone provenienti da tutto il mondo e per telefono ricevevano più di 250 chiamate giornaliere.

Con il passare del tempo, i motociclisti hanno salvato molti cani, gatti, cavalli, galline, maiali e pesci. Una volta, sono riusciti addirittura a mettere in salvo un boa di 1 metro e mezzo.

Durante un’intervista con il New York Times, i motociclisti hanno raccontato che si sono ritrovati ad affrontare diversi tipi di situazioni: qualcuno vendeva animali di razza per comprare della droga, altri organizzavano dei combattimenti tra cani e un altro ancora aveva tentato di avvelenare un gruppo di gatti randagi vicino a casa sua. Una volta erano stati informati su un serial killer di gatti che si trovava in Pennsylvania.

Embed from Getty Images

Tuttavia, investigavano solamente sui casi di maltrattamento e se riuscivano a trovare il colpevole, la squadra di Rescue Ink passava il caso alla polizia. Se faceva freddo e vedevano che il padrone non si prendeva cura dei propri animali, intervenivano costruendo delle casette di legno o aiutavano in altre cose.

Con il loro lavoro, hanno dimostrato di avere un grande e generoso cuore. Uno dei volontari di Rescue Ink, per una settimana e mezza, ha portato con sé un gattino dappertutto, poiché aveva bisogno di essere nutrito ogni poche ore. Un altro uomo era entrato in uno stagno che si trovava vicino a una fogna per salvare un’anatra.

Queste persone hanno cercato di educare per anni adulti e bambini, di modo che potessero capire che l’abuso sugli animali è una pratica pericolosa e scorretta.

La maggior parte delle volte, le persone che maltrattano gli animali hanno le stesse caratteristiche: insicure, impulsive e spietate a causa di problemi nelle loro vite personali.

Embed from Getty Images

I motociclisti sono convinti che il maltrattamento sugli animali sia solo il primo passo per queste persone. Poi, sentendosi impuniti e guadagnando sempre più fiducia, i criminali possono passare ad altre vittime e le probabilità che se la prendano con un bambino, una donna o una persona anziana sono molto alte. Ecco perché è così importante individuare e fermare tutti i casi di violenza contro gli animali.

A volte, sono intervenuti per recuperare degli animali a cui erano morti i proprietari e non c’era nessuno disposto a prendersi cura di loro. In questi casi, i motociclisti contattavano i rifugi e consegnavano gli animali. Ad un certo punto, erano riusciti ad avere un proprio rifugio, ma venne gravemente danneggiato durante un uragano.

Alcuni animali avevano bisogno di riabilitazione. Ad esempio, i proprietari giocavano con loro fino a quando rimanevano piccoli, ma una volta cresciuti smettevano di prendersene cura. Molti animali si trovavano costretti a dormire all’aperto, sotto la pioggia o sotto la neve, oppure in mezzo al fango, fino a che i ragazzi di Rescue Ink convincevano i proprietari a rinunciarvi.

Embed from Getty Images

Alcuni cani vengono sfruttati per fare cucciolate, per poi guadagnare sulla vendita di costosi cuccioli di razza. In questi casi, qualcuno avvisava Rescue Ink di aver sentito rumori e odori sospetti, ma di non aver mai visto un cane passeggiare nei dintorni, oppure arrivavano segnalazioni di animali visibilmente affamati ed esausti.

I motociclisti si avvicinavano al proprietario e iniziavano a conversare. Se il proprietario non voleva collaborare, veniva chiamata la polizia. Ma, nella maggior parte dei casi riuscivano a convincere quasi tutti a farsi consegnare gli animali.

An American Biker Gang Destroys Dog Fight Rings and Rescues Animals From Violent Owners Read more about An American…

Posted by Your Daily Dose on Friday, 3 May 2019

Durante un’intervista con la rivista People, il gruppo di uomini aveva dichiarato che il loro aspetto è un grande vantaggio nella lotta contro queste persone senza scrupoli.

Speriamo che possano nascere tante squadre come queste in tutto il mondo.

Cosa ne pensi del meraviglioso lavoro che hanno svolto questi volontari amici degli animali? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere la loro bella storia. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

34K Condivisioni

Cosa ne pensi?


Potrebbe interessarti:
<
>