17 genitori eroici che hanno sacrificato tutto per dare ai propri figli un futuro migliore

Quando si è molto giovani, spesso, per ingenuità o per immaturità non ci si rende conto dei sacrifici che i genitori fanno ogni singolo giorno per riuscire a dare il meglio alla famiglia. Tuttavia, quando si è più avanti negli anni, le cose diventano molto più chiare e, con l’arrivo dell’età adulta e dei problemi quotidiani, improvvisamente si capisce che, purtroppo, non tutti sono stati così fortunati da avere delle mamme e dei papà che hanno fatto davvero di tutto per far avere ai propri figli una vita dignitosa ed un futuro migliore.

1#

Mia mamma non si è mai arresa, è un grande esempio da seguire e la vedo sempre come un punto di forza, perché altri al suo posto si sarebbero arresi, ma lei non lo ha mai fatto. Ha sempre lavorato sodo, ci ha dato il giusto, non ci sono mai mancati nè cibo nè piatti deliziosi, abbiamo sempre indossato vestiti puliti e ben stirati, la casa era sempre pulita e ordinata pur non avendo lussi o ricchezze e, soprattutto, ci ha sempre amati e protetti, non ci ha mai lasciati soli“. Facebook/Erika Binney

2#

I miei genitori mi hanno offerto il loro amore incondizionato ed insegnamenti di vita che fino ad oggi mi hanno aiutato ad andare avanti, a lottare per la mia famiglia. Non avevo lussi ma l’eredità d’amore che mi hanno lasciato non ha prezzo. Ora non ci sono più, ma vivranno sempre nel mio cuore“. Facebook/Cristina Serna

3#

Mia madre con 3 figli ha iniziato a studiare per darci un futuro migliore, mia nonna si è presa cura di noi con tanto amore e ci sono stati periodi in cui mio padre ha fatto anche due lavori per non farci mai mancare niente. Ancora oggi non so cosa significhi vederlo riposare di domenica“. Facebook/Vero Zamora

4#

Mia madre, senza alcuna formazione né esperienza, andò a cercare lavoro perché mio padre smise di contribuire economicamente in casa e, per questo, si ritrovò a dover guadagnare dei soldi. Ottenne un lavoro difficile ma onesto. Con responsabilità e dedizione, ha lavorato per anni per dare a me e a mio fratello un’istruzione e una vita dignitosa. Questo mese ha ricevuto la notizia che presto andrà in pensione ed è un traguardo che merita tanto. Per me è sempre stata un ottimo esempio“. Facebook/Angie González

5#

Mio padre si alzava alle 4 del mattino ed attraversava tutta la città in bicicletta, perché il suo posto di lavoro era molto lontano da casa nostra. Siccome lavorava in una panetteria, ogni giorno ritornava con uno zainetto pieno di pane per noi. Lo ammiro tanto“. Facebook/Francis Diaz Contreras

6#

Prima che io iniziassi il mio primo anno di superiori, mia madre si mise a frequentare una scuola serale per aiutarci nello studio, ma oltre a questo lavorava in fabbrica dalle 6 del mattino alle 4 del pomeriggio. Quando usciva dal lavoro, passava dal mercato e veniva di corsa a darci qualcosa da mangiare e poi andava ai suoi corsi serali. Finiva alle 22 e quando tornava a casa controllava i nostri compiti, preparava le nostre divise e molte volte andava a letto all’una perché doveva lavare o stirare. È così che ha preso il diploma per poi diventare contabile. Grazie al suo esempio, nella mia famiglia siamo tutti diplomati. Ci ha sempre detto che lo studio e il lavoro onesto ci avrebbero fatto avanzare, e così è stato. Provo una profonda ammirazione per mia madre“. Facebook/Ana Lepiz Ramirez

7#

Non ho mai ringraziato mio padre per questo. Vivevamo in campagna lontano da tutti i negozi e, una volta, quando ero ancora piccola a scuola ci chiesero di portare dei listelli in legno come quelli che si usano per il modellismo. Mio padre realizzò dei bastoncini in legno in modo che potessi portarli a scuola. In quel momento vidi tutti gli sforzi che faceva per non farmi mancare nulla e anche se i bastoncini erano più spessi di quelli degli altri li portai orgogliosa, perché me li aveva fatti lui“. Facebook/Poxa Muñoz Lobos

8#

Quando ero piccola dovettero ricoverarmi all’ospedale a causa di una malattia. Mio ​​padre dovette vendere tutto quello che aveva e si indebitò per farmi curare in un centro medico privato e mia madre non lasciò il mio fianco nemmeno per un momento“. Facebook/Belinda Varela Izquierdo

9#

Mio padre dovette andare a lavorare negli Stati Uniti per 5 anni e tutta la famiglia soffrì per questo. Si concentrava solo sul lavoro e ci inviava sempre denaro. Ammiro anche mia madre per la forza che ha avuto nel crescere me e i miei fratelli da sola, con metà del suo cuore in un altro paese“. Facebook/Monserrat Calam

10#

Mio padre ha creato un’azienda senza saper leggere né scrivere. Tutto per darci il meglio e anche se non è più tra noi il mio ricordo e la mia ammirazione per lui rimarranno per sempre“. Facebook/Perla Espino

11#

Mia madre biologica mi ha dato in adozione e ho avuto la migliore famiglia del mondo, non so perché l’ha fatto, ma apprezzo il suo gesto perché mi ha dato una nuova famiglia che mi ama e che io amo con tutto il mio cuore“. Facebook/Arlen Cross

12#

Mio padre è rimasto vedovo a 24 anni, a quel tempo mio ​​fratello era molto malato e io avevo solo un anno. Nonostante questo, è riuscito ad andare avanti insieme a noi. Purtroppo ora mio fratello non c’è più, ma la forza di mio padre è ciò che mi ha motivato a lottare sempre per le mie figlie, per dare loro un futuro migliore“. Facebook/Nena Somar

13#

Con tutta l’umiltà del mondo e con poche risorse economiche, ci hanno dato amore e comprensione, ci hanno insegnato che per andare avanti bisogna lottare. Abbiamo potuto studiare e queste sono le armi per affrontare il futuro. Soprattutto: impegno, umiltà, comprensione e calore di casa“. Facebook/Norma Elena Israelson

14#

Ringrazio mia madre per avermi insegnato ad amare la vita, per essere sempre stata un esempio coerente e onesto, per avermi insegnato che le cose si guadagnano onestamente. Grazie mamma, ti voglio bene“. Facebook/Raquel Bran Ugalde

15#

Nel corso degli anni miei genitori hanno fatto molte cose per me. In un periodo in cui ero molto triste, mio ​​padre mi chiamava tutti i giorni (vivo lontano da loro) per dirmi che ce l’avrei fatta, che sarebbe andato tutto bene e di guardare sempre avanti. A quel tempo mi svegliavo alle cinque e mezza del mattino per andare al lavoro, ma la mia giornata iniziava dopo la chiamata di mio padre“. Facebook/Cecilia Suaznabal

16#

Mio padre non ebbe la possibilità di studiare, per questo non sapeva né leggere né scrivere, però portava sempre a casa libri di ogni genere. Mi diceva: ‘Leggi ad alta voce che io non riesco a vedere bene’. Mi raccontò la verità quando avevo 14 anni dicendo che non aveva mai potuto andare a scuola; mentre mia madre andò alle superiori mentre le stavo frequentando anche io“. Facebook/Mayumi Carmona Bello

17#

Mio padre andava a lavorare alle tre del mattino e non importava se pioveva, perché non ci avrebbe mai lasciati senza cibo, vestiti o il necessario per la nostra istruzione. Anche se ha rischiato più volte di ammalarsi per raccogliere la spazzatura e per spazzare le strade, mio ​​padre non è mai mancato nemmeno un giorno. E mia mamma ci ha cresciuti con tanto sacrificio, si prendeva cura degli animali, andava a prendere l’acqua, lavava i panni a mano e si occupava della nostra educazione. Erano sempre i primi ad alzarsi e gli ultimi ad andare a letto“. Facebook/Maria Guadalupe Mixpa

Scorri verso il basso per altri interessanti articoli.

Sai che ora abbiamo aperto un nuovo canale Telegram? Richiedi l’accesso per non perderti i nostri contenuti. CLICCA QUI

Qual è stata la cosa più importante che hanno fatto i tuoi genitori per farti diventare la persona che sei? Condividi il contenuto e seguici per altre notizie, storie e curiosità su Curiosando si impara.

Non è possibile copiare l'articolo, è protetto da copyright

error: Content is protected !!