Una ragazza è stata rapita, ma nessuno le ha fatto del male grazie ad un trucco che le ha insegnato sua madre

È un peccato che le donne non sembrino più al sicuro da nessuna parte; il semplice fatto di essere una donna limita le uscite, accorcia gli orari o vieta di camminare da sole di notte, tuttavia, non è sempre possibile essere accompagnate ovunque e, per questo, imparare a difendersi potrebbe essere molto utile.

Le aggressioni, però, non avvengono solo di notte e questo lo sa bene Jordan Dinsmore, una ragazza statunitense che nell’agosto del 2017 ha avuto una bruttissima esperienza che ha cambiato completamente la propria vita.

Jordan Dinsmore

La giovane studia e lavora e quel mercoledì era ritornata a casa per la pausa pranzo. Una volta arrivata con l’auto nel vialetto del complesso dove abita, tre uomini armati di pistola sono usciti da dietro gli alberi. L’hanno costretta a sdraiarsi a terra, le hanno preso borsa e telefono ed hanno minacciato di spararle nel caso in cui avesse solo provato ad urlare.

Google

Dopodiché, l’hanno obbligata a salire sul sedile posteriore della propria auto ma sono rimasti sorpresi per via del cambio manuale, nessuno dei tre era in grado di guidare una macchina con le marce manuali ed uno di loro, spaventato, si è dato alla fuga. A quel punto gli altri due individui l’hanno fatta rimettere al volante e si sono fatti portare ad uno sportello bancomat.

Jordan Dinsmore

Chiunque a quel punto si sarebbe bloccato per la paura, ma non Jordan, la quale ha dichiarato che la prima cosa che le è passata per la testa è stata: “Cosa farebbe mia mamma?”, chiaramente la giovane aveva molta paura, però sapeva bene di trovarsi in una situazione di estremo pericolo e che la calma e le sue azioni avrebbero potuto fare la differenza tra la vita e la morte.

Probabilmente, la sua vita sarebbe drammaticamente finita se in quei momenti si fosse fatta prendere dal panico, tuttavia, le tornarono in mente le parole della propria madre, la quale le aveva raccontato di aver vissuto una terribile esperienza ai tempi dell’università.

“In quegli istanti ho pensato a mia madre ed a quello che aveva vissuto quando frequentava l’università, cercarono di violentarla ma lei con tutte le sue forze ed il suo coraggio riuscì a colpire ed a spingere talmente forte il proprio aggressore da farlo fuggire. Io non potevo essere debole, anche io dovevo trovare la forza per uscire da quella brutta situazione, proprio come lei”, ha raccontato Jordan al ABC News 4.

Per questo motivo, una volta ritirato il denaro è ritornata in auto, ma non si è allacciata le cinture di sicurezza. I due uomini non si sono accorti di questo dettaglio e l’hanno obbligata a ripartire, dicendole di portarli a casa della loro “zietta” dove la stavano aspettando degli amici per violentarla.

Jordan Dinsmore

Nella sua testa risentiva le parole della propria madre, la quale le aveva dato tre consigli: “Mantieni la calma, cerca di scappare e cerca di non farti portare in un luogo isolato”.

Così, mentre gli uomini le davano le indicazioni per la strada da seguire per raggiungere la destinazione, la ragazza ha finto di confondersi ed intenzionalmente non ha svoltato in una via che i rapitori le avevano detto di prendere. A quel punto, approfittando di un attimo di disattenzione da parte degli aggressori, ha messo la marcia in folle, ha aperto la portiera ed è saltata dalla macchina in corsa.

Immediatamente, nonostante le ferite, si è rialzata ed ha cominciato a correre dalla parte opposta, quando all’improvviso è arrivata una macchina dalla quale è scesa una donna che ha prontamente chiamato la polizia.

“Sono felice di aver avuto il coraggio di saltare dalla macchina in corsa e di aver lasciato i miei rapitori su un’auto a velocità sostenuta e senza conducente, credo che se lo siano meritato”, racconta Jordan.

Due dei tre sequestratori sono stati arrestati e, per fortuna, la ragazza è riuscita a fuggire anche grazie alle parole della propria madre che ha, purtroppo, subito un’esperienza simile.

Tu cosa avresti fatto se ti fossi trovato al posto di Jordan? Lasciaci un commento e non dimenticare di condividere con i tuoi amici.

Seguici per altre curiosità sulla pagina Facebook Curiosando si impara.

Condivisioni 1K

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *