Soffri di attacchi d’ansia? Secondo la scienza questi sono i 5 nemici da evitare per sconfiggerli

L’ansia è un problema che affligge milioni di persona nel mondo e, in attesa che arrivino ricerche a confermarlo, c’è la sensazione che si tratti di un fenomeno in espansione.

I ritmi frenetici della vita, gli obiettivi che gradualmente diventano sempre più difficili da raggiungere e le crescenti  aspettative, anche verso se stessi, rappresentano fattori che non agevolano chi vorrebbe scongiurare gli attacchi d’ansia che spesso rendono più difficile la quotidianità.

L’ansia viene considerata la “paura del futuro“. Il genere umano ha sviluppato la capacità di fare previsioni attendibili su ciò che il domani gli riserva e questo permette di non farsi spesso trovare impreparati. Tuttavia, questa capacità molto spesso si ritorce contro.

Soprattutto quando si è troppo focalizzati su ciò che verrà e poco sul presente. Gli attacchi d’ansia, in genere, emergono di notte, prima di andare a letto. Ed il motivo è semplice: ciò che durante il giorno è seppellito dalle cose che si hanno da fare viene spinto fuori da quella che è la domanda originaria: “Cosa accadrà domani? Cosa potrò fare per far fronte alla situazione che si potrebbe prospettare?”.

La scienza, perciò, è riuscita a determinare cinque nemici da evitare per scongiurare gli attacchi d’ansia.

1# I cattivi pensieri. Sono quelli che generalmente si annidano nel passato e nel futuro. Ci sono solo due fasi del tempo in cui non si può fare nulla: il passato ed il futuro. La soluzione è concentrarsi sul presente, sulle situazioni più impellenti. I pensieri negativi vanno intercettati, annotati, isolati e messi da parte. Dovesse risultare difficile farlo nella testa, sarebbe opportuno scriverli su un foglio in maniera tale da razionalizzarli e dare loro la giusta e limitata dimensione.

2# La frenesia e lo stress. In molti credono che riempire la giornata di impegni può essere uno strumento per evitare di pensare, ma è quanto di più sbagliato possibile. Il tempo va organizzato in maniera tale da ritagliarsi uno spazio in cui riflettere e meditare. Se gli attacchi d’ansia non sono costanti basta dedicarsi a qualche riflessione davanti ad una tazza di tè, se invece risultano più seri si potrebbe prendere in considerazione l’ipotesi di iscriversi ad uno di quei corsi di discipline in cui si dà ampio spazio alla meditazione. Sarebbe la migliore palestra per una mente che ha perso un po’ d’allenamento. È quanto emerso dalle conclusioni tratte dal convegno 2017 dell’American Psychological Association.

3# Sedentarietà. L’utilità di fare sport non dà benefici al solo aspetto fisico e alla salute, ma ancha alla mente. Una vita sedentaria non garantisce lo stesso rilascio di serotonina ed endorfina, ormoni che acuiscono la sensazione di benessere e piacere del cervello. Una testa che sta bene offre meno spazio all’ansia. Addirittura, secondo una ricerca condotta dalla Deakin University di Melbourne, esiste una correlazione non ancora spiegata tra lo “stare seduti” e lo sviluppo di ansia.

4# Caffeina. Bere caffè – come si legge sul sito dell’Istituto di Terapia Cognitiva e Comportamentale – o altre bevande che la contengono, potrebbero aumentare le possibilità di essere vittime di un attacco di panico o di innalzare il livello d’ansia. La caffeina è una sostanza che stimola il nervosismo e può portare agitazione.

5# Incapacità di dire di no.  Non bisogna – come riferisce il dott. Benedetto Garcia su cinquequotidiano.it – avere paura di dire di no a qualcosa o qualcuno perchè si teme di generare delusione o di non rispettare le aspettative. Pensare di aver in mano la possibilità di scegliere genera una minore paura del futuro.

Riuscire a sconfiggere questi nemici potrebbe essere un passo importante per evitare di incorrere in nuovi attacchi d’ansia, se la cosa però dovesse risultare fin troppo seria sarebbe opportuno rivolgersi ad un esperto.

Conosci altri consigli per evitare di soffrire di attacchi d’ansia? Lasciaci un comento e non dimenticare di condividere queste importanti informazioni con i tuoi amici.

Seguici per altre curiosità sulla pagina Facebook Curiosando si impara.

191 Condivisioni

Cosa ne pensi?


<
>