Cinque consigli per trasformare un bambino in un grande lettore

Lo scrittore argentino Jorge Luis Borges disse: “Tra i diversi strumenti dell’uomo, il più stupefacente è, senza dubbio, il libro. Gli altri sono estensioni del suo corpo. Solo il libro è un’estensione dell’immaginazione e della memoria”.

Di fatto, i libri, sono una finestra parallela, una via di fuga dalla quale adulti e bambini fanno volare la propria immaginazione creando delle storie uniche. Per mezzo della lettura si acquisisce una gran quantità di conoscenza che aiuta a migliorare giorno dopo giorno, favorendo lo sviluppo affettivo e psicologico dell’individuo.

È molto importante che fin fa piccoli si acquisisca l’abitudine di leggere, sia per avere un lessico più ampio che per assorbire differenti concetti etici.

“I bambini che sono abituati a leggere e che hanno una certa routine nella lettura, possono vantare un vocabolario più ampio, una maggiore comprensione del testo e, inoltre, commettono meno errori ortografici mentre scrivono. Si tratta di un qualcosa di fondamentale durante la lunga fase di apprendimento scolastico”, afferma Sergio Díez, responsabile della biblioteca della Brains International School.

Ma come si può fare in modo che i bambini mostrino interesse nei libri, quando esistono altre alternative? Sergio Díez ha una risposta a questa domanda: “Il loro primo contatto, in alcune occasioni, avviene quando iniziano la fase scolastica e questo, molto spesso, finisce per mettere in relazione i libri di testo con lo studio, ovvero con i doveri e con la noia. L’interesse per la lettura deve essere stimolato ed inculcato fin da quando sono molto piccoli, anche prima che imparino a leggere. Dobbiamo offrire loro dei libri come se fosse un modo in più per divertirsi, come un’alternativa in più al gioco”.

E continua dicendo: “Non tutti i libri sono utili per migliorare la lettura, è importante saper scegliere quello più adeguato al momento, all’età ed alla fase di apprendimento che il bambino sta attraversando”.

Cinque consigli per trasformare un bambino in un grande lettore:

  • Il libro deve essere visto come un giocattolo, fin da molto piccoli devono toccarli, giocare con loro, esaminarli… Questo è essenziale per fare in modo che, quando crescono, non vedano i libri come un qualcosa di noioso.
  • Obbligare a leggere è un grande errore. Bisogna fare in modo che i bambini leggano da soli e questo si ottiene quando vedono la lettura come una soddisfazione.
  • Chiedere consiglii e visitare le biblioteche può essere molto utile per trovare il libro più adeguato perché, in molti casi, non sappiamo quale sia il libro più consigliato per una certa età o per alcuni bambini. L’argomento del libro deve interessare, questa è la chiave per non far perdere ai bambini la voglia di leggere.
  • Lasciare che i bambini scelgano il libro. I piccoli devono trovare i libri da cui si sentono più attratti e che più si avvicinano ai loro interessi. Una cosa da fare è sicuramente quella di controllare che i contenuti ed il vocabolario siano adeguati alla loro età. Inotre, questo è utile anche per imparare a scegliere, cosa che a diversi bambini risulta difficile.
  • E la cosa più importante… gli adulti devono predicare attraverso l’esempio e leggere! Se vogliamo che i bambini leggano, devono vedere noi grandi che lo facciamo, in quanto, normalmente, tendono ad imitare i compoprtamenti degli adulti che li circondano.

Hai qualche altro valido consiglio per avvicinare i più piccoli alla lettura? Lasciaci un commento e non dimenticare di condividere queste importanti informazioni con i tuoi amici.

Seguici per altre curiosità sulla pagina Facebook Curiosando si impara.

273 Condivisioni

Cosa ne pensi?


<
>