10 errori che non devi commettere con i tuoi figli

Al giorno d’oggi educare un bambino non è un esercizio semplice. Immaginare che ogni giorno ed ogni momento possano essere sempre uguali rappresenta il primo errore di valutazione. Un genitore ha l’obbligo di stare attento ad ogni passo o gesto che compie nei confronti dei propri figli, poiché soprattutto in tenera età si rischia di commettere delle imprecisioni che potrebbero pesare nell’economia dell’educazione di un bimbo o di un adolescente.

Basta dare un’occhiata a questi dieci momenti della vita quotidiana per capire quanto poco ci voglia, secondo gli esperti, a compiere qualcosa che possa compromettere un corretto regime educativo.

Cosa bisogna evitare di fare:

1# Parlare al loro posto:  Immaginando di trovarsi di fronte ad uno sconosciuto per il piccolo, a cui viene chiesto il nome o l’età: nn bisogna mai rispondere al suo posto, anche se lui preferirebbe tacere. Alla fine, probabilmente, risponderà se non ci sarà qualcuno a farlo al suo posto.

2# Provare ad essergli amici: ogni genitore pur non disdegnando gesti d’amore o affetto, non deve mai credere di poter essere un compagno di giochi. Bisogna mantenere autorevolezza, non autorità. Un rapporto “affettuosamente subordinato” potrà tornare utile nel momento in cui si potrà far valere il proprio ruolo senza necessità di alzare mai la voce.

3# Essere aggressivi quando si vogliono insegnare loro le buone abitudini. Avere a che fare con un bambino che preferisce le patatine fritte alla verdura è una cosa che è capitata a tanti. Invitarlo a mangiare la prima, mentre chiede la seconda, con toni bruschi non aiuterà ad educarlo a mangiare bene. Sarebbe molto meglio invogliarlo a mangiare ciò che è giusto, prospettandogli la possibilità di fare qualcosa di suo gradimento in un momento successivo.

4# Aiutarli troppo nel quotidiano. Il ruolo del genitore è quello di insegnare ai propri figli a cavarsela da soli.  Arrivati ad un certo punto della loro giovane vita dovranno fare da soli. Capiterà che avranno difficoltà nell’allacciarsi le scarpe o nel mettersi i pantaloni, quello è il momento in cui, una volta insegnatogli, sarà opportuno osservare la scena da lontano e pazientare fino a che non troveranno la soluzione.

5# Provare ad imporgli dei gusti. Ascoltare il proprio cantate preferito tutto il giorno a tutto volume in casa o guardare cento volte il medesimo film, non farà si che un bambino se ne innamori. Può anche capitare che sia così, ma qualora non lo fosse occorre che trovi autonomamente quello che gli piace di più.

6# Contare i loro risparmi. Crescendo diventerà una cosa naturale avere un salvadanaio o un luogo in cui porre qualche spicciolo regalato da genitori o parenti. Una madre o un padre non dovrebbero mai sincerarsi di quanto denaro hanno i propri figli, ma sarebbe bene  limitarsi ogni tanto a insegnargli che attraverso il risparmio, dopo alcuni mesi, avranno la possibilità di acquistare una tra le cose che più desiderano.

7# Imporgli degli hobby o il loro sport preferito. Per un genitore che porta il proprio figlio allo stadio, piuttosto che ad una partita di pallavolo, sarà facile notare se la cosa piace al piccolo o no. Qualora così non fosse, sarebbe opportuno permettergli di avere a che fare con altre cose che potrebbero affascinarlo.

8# Non confondere il loro successo con il vostro. Avere un figlio che va bene a scuola o che si comporta in maniera apprezzata dagli altri, non sarà una buona scusa per prendersi dei meriti come genitori.

9# Scegliere i regali al suo posto. Quando il nonno chiede ad un bimbo cosa vorrebbe ricevere in regalo, sarebbe opportuno che un padre o una madre non intervenissero provando a far presente cosa gli servirebbe. La responsabilità della scelta deve essere dei bambini, già da piccoli. La cosa da fare è ricordare loro che esistono dei limiti e delle regole che vanno rispettate; per esempio, se il bimbo chiede al nonno un cellulare, ma sa benissimo che i genitori non approverebbero, in questo caso è bene intervenire per rinfrescargli la memoria.

10# Introdursi nella loro vita. C’è un confine sottile tra vigilare sul loro modo di vivere e violare la loro privacy.

Educare i figli, come ben sappiamo, è un’operazione molto complessa, seguire questi consigli potrebbe rappresentare una linea guida importante per delineare una strategia che possa essere quella più appropriata.

Cosa ne pensi di questi consigli? Lasciaci un commento e non dimenticare di condividere queste utili infrormazioni con i tuoi amici.

Seguici per altre curiosità sulla pagina Facebook Curiosando si impara e se hai un account Pinterest puoi seguire la nostra nuova pagina con argomenti suddivisi per categorie QUI.

167 Condivisioni

Cosa ne pensi?


<
>