Realizza delle bombe di semi per far fiorire la tua città

Esiste un metodo efficace per porre rimedio al grigiore cittadino e consiste nel costruire delle bombe di semi, strumenti che permetteranno di avere moltittissimi fiori colorati.

Non si tratta quindi di una cosa cruenta come potrebbe indicare la parola, bensì è solo una forma per far crescere il verde cittadino. Non servono competenze particolari, le bombe di semi possono essere preparate facilmente in casa.

In questo modo, si potrà riqualificare uno spazio pubblico, lanciando semplicemente in uno spiazzo di terra brulla le bombe. Per farlo serviranno solamente del terriccio, dell’argilla e i semi che di ciò che si vorrà far crescere.

Le bombe di semi nascono in Giappone, dove questa tecnica era utilizzata per salvare i semi dalla siccità. Masanobu Fukuoka, botanico e filosofo giapponese, adattò questa tecnica creando l’agricoltura del non fare.

Per creare le bombe di semi non si utilizzano pesticidi, perché, di fatto, si aiutano i semi a sopravvivere senza ricoprirli di resine sintetiche o fungicidi. In Giappone, le palline venivano lanciate in autunno ed i semi rimanevano protetti dall’argilla fino alla primavera, momento in cui iniziavano le fioriture.

Di fatto, sta diventando una nuova tendenza a New-York dove la bomba di semi prende il nome di green guerilla, si tratta di una moda lanciata dagli ecologisti della prima ora che iniziarono nel 1970 a lottare contro l’incuria delle aree verdi che colpiva la città.

Da questo periodo deriva l’idea dei giardini condivisi, studiato dall’ecologista Liz Christy. A quasi cinquantanni di distanza, il primo giardino condiviso costruito nel quartiere di Bowery-Houston è vivo e vitale ed è protetto dal comune.

Come preparare le bome di semi

Peparare le bombe di semi è veramente semplice e richiede poco tempo. Per farlo serviranno del terriccio, dell’argilla e un mix di semi di piante o fiori che si adattino al clima in cui si vive.

In una piccola zuppiera bisognerà mescolare nelle seguenti proporzioni, 2/3 di argilla, 1/3 di terriccio e i semi scelti, dopodiché si dovrà aggiungere dell’acqua mischiando fino ad ottenere un impasto denso. Non si tratta di una proporzione fissa, però si consiglia di partire utilizzando queste misure, aggiungendo acqua o terriccio al bisogno.

A questo punto si dovranno formare delle piccole palline, le quali dovranno seccare per qualche giorno, magari posizionalndole in un contenitore per le uova. Questo per evitare che germoglino troppo presto.

Conoscevi già questa tecnica per seminare piante e fiori? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere queste interessanti informazioni. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

2K Condivisioni

Cosa ne pensi?


Potrebbe interessarti:
<
>