Un cane randagio continuava a visitare una concessionaria Hyundai, così gli hanno dato un lavoro e il suo badge personale

A volte, la perseveranza può essere la chiave per riuscire a cambiare in meglio le nostre vite, proprio come ha dimostrato un cagnolino randagio brasiliano che, grazie alla sua tenacia, ha ottenuto una casa e un buon lavoro.

All’inizio di quest’anno, il personale di una concessionaria di automobili aveva notato un cane che gironzolava sempre intorno al negozio. In principio, pensavano che presto si sarebbe allontanato, ma, con il passare del tempo, hanno capito che il piccolo non avrebbe mai abbandonato la zona.

Una sera, all’inizio del mese di maggio pioveva particolarmente forte, così, Emerson Mariano, il gestore del negozio, dispiaciuto per il cane ha deciso di accoglierlo all’interno della struttura, in quel momento pensava di dargli solamente cibo, acqua e un riparo temporaneo. Tuttavia, l’uomo si è subito affezionato ed ha suggerito al consiglio amministrativo di adottare il cane come mascotte.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Hyundai Motor Brasil (@hyundaibr) in data:

Emerson durante un’intervista ha raccontato che: “L’azienda è sempre stata pet friendly, quindi ora abbiamo deciso di abbracciare questa idea anche nella pratica accogliendo la nostra mascotte proprio in un momento complicato come questo, quando numerosi animali vengono abbandonati“.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da TUCSON PRIME (@tucson_prime) in data:

Emerson e i suoi colleghi hanno chiamato il loro nuovo amico Tucson Prime e si sono subito resi conto del suo carattere allegro e gioviale, poiché lo ha dimostrato ricevendo con affetto tutti i clienti. Tutto questo li ha portati alla decisione di promuoverlo come “consulente pawfessional” con tanto di badge.

Emerson ha affermato che le opinioni dei clienti per i “servizi” prestati da Tucson Prime sono assolutamente positive, il cane ha una natura docile e premurosa che porta le persone a ritornare in negozio solo per salutarlo e per portargli dei regali, anche dopo aver acquistato una vettura.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da TUCSON PRIME (@tucson_prime) in data:

Chiaramente, il personale della concessionaria si è preoccupato di portare Tucson Prime da un veterinario per farlo visitare e vaccinare. Di fatto, è diventato un vero e proprio membro del team e, probabilmente, a breve avrà l’occasione di recitare per una campagna pubblicitaria nazionale per Hyundai.

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da TUCSON PRIME (@tucson_prime) in data:

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da TUCSON PRIME (@tucson_prime) in data:

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da TUCSON PRIME (@tucson_prime) in data:

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da TUCSON PRIME (@tucson_prime) in data:

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da TUCSON PRIME (@tucson_prime) in data:

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da TUCSON PRIME (@tucson_prime) in data:

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da TUCSON PRIME (@tucson_prime) in data:

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da TUCSON PRIME (@tucson_prime) in data:

Scorri verso il basso per altri interessanti articoli.

Sai che ora abbiamo aperto un nuovo canale Telegram? Richiedi l’accesso per non perderti i nostri contenuti. CLICCA QUI

Cosa ne pensi del gesto del personale della concesionaria? Condividi il contenuto e seguici per altre notizie, storie e curiosità su Curiosando si impara.

Curiosandosimpara.com è presente anche su Google News, se vuoi rimanere sempre aggiornato con le nostre notizie SEGUICI QUI

Potrebbe interessarti:
Back to top button