Cosa devi dire a tuo figlio affinché non si lasci manipolare dagli altri

Nel mondo ci sono delle persone che tendono a manipolare gli altri con il fine di convincerli a fare quello vogliono. Tutto questo non accade solamente tra gli adulti, poiché anche i bambini, imitando i comportamenti dei grandi, possono pensare che la manipolazione del prossimo sia una normale forma di interazione. Al contrario, i bambini che sono vittime di questi individui “tossici” potrebbero avere dei problemi di autostima, non solo nell’immediato, ma anche quando saranno più grandi.

Un bambino che viene influenzato e manipolato fa delle cose che non vuole realmente fare, poiché si sente vittima della pressione sociale. Il suo comportamento è molto diverso da quello che ha di solito e per far sì che tutto questo non accada esistono degli elementi chiave su cui poter lavorare.

  • Autostima
  • Pensiero critico
  • Sicurezza
  • Fiducia in se stesso
  • Una buona comunicazione

Questi sono i 5 pilastri su cui lavorare affiché i bambini possano avere le forze necessarie per non cadere nella trappola di un manipolatore. Di fatto, anche le esperienze pregresse possono aiutarli ad evitare queste situazioni, l’importante è non farli sentire iperprotetti, poiché devono imparare autonomamente a stabilire dei limiti che le altre persone non possono superare.

Imparare a stabilire dei limiti

I piccoli devono imparare a stabilire dei limiti e a saper dire la parola “no” ogni volta che lo ritengono necessario. Questi limiti stabiliscono un preciso confine che definisce tutto quello che “sono io” e tutto ciò che sono gli altri. Grazie a questi limiti i bambini capiscono che esistono delle cose che non sono obbligati a fare e che non devono farle solo perché qualcun altro glielo dice.

Per far capire al meglio ad un bambino cosa sono i limiti e come stabilirli, affinché possa evitare di cadere nella rete di manipolatori o persone tossiche, può essere utile il seguente suggerimento:

Tutti noi abbiamo un confine intorno, si tratta di una linea che separa noi stessi dalle altre persone. Non si può vedere, però c’è. È come una sorta di campo di forza invisibile che aiuta ogni persona a difendersi dalle altre, specialmente quando le viene detto qualcosa che non le piace o che la mette di malumore. Ognuno è completamente responsabile del campo di forza che lo circonda, per questo solo tu puoi decidere quando alzarlo e quando abbassarlo. Solo tu puoi decidere cosa è consentito e cosa non lo è. Tu sei l’unico capo del tuo campo di forza e lo sarai per sempre.

Non dimenticare che è importante ascoltare le persone che ti ricordano che hai delle cose da fare, come i tuoi genitori o gli insegnanti a scuola. Però, sappi che esitono persone che diranno o faranno cose che non ti piaceranno e con le quali non ti sentirai mai bene e a tuo agio, ed è proprio in questi casi che dovrai alzare il tuo campo di forza, come se fosse una barriera che ti protegge. Si tratta di una delle cose più coraggiose che si possono fare, perché è importante rispettare gli altri, ma lo è ancora di più rispettare se stessi.

Non è possibile controllare le altre persone, però puoi fare in modo che quello che dicono o fanno per danneggiarti non ti tocchi minimamente. Ognuno di noi è responsabile del modo in cui tratta le altre persone, lo siamo noi adulti e lo sei anche tu. Però solo tu puoi decidere cosa ti influenza e cosa no e questo, a volte, significa ignorare ciò che gli altri dicono o pensano di te.

Devi essere l’eroe di te stesso e devi saperti proggere dai colpi che possono infliggerti le altre persone, evitanto in primo luogo di fare delle cose che non ti piacciono, essendo educato e rispettoso ed imparando a dire “no” a richieste che ti mettono a disagio“.

Scorri verso il basso per altri interessanti articoli.

Sai che ora abbiamo aperto un nuovo canale Telegram? Richiedi l’accesso per non perderti i nostri contenuti. CLICCA QUI

Cosa ne pensi di questi suggerimenti? Condividi il contenuto e seguici per altre notizie, storie e curiosità su Curiosando si impara.

Potrebbe interessarti:
Back to top button