Quest’uomo e il suo cane hanno trascorso sette anni in giro per il mondo

Fare il giro del mondo a piedi è un’impresa lunga, difficile e complicata che solo poche persone decidono di intraprendere e che solo 10 esseri umani ed un cane sono riusciti a portare a termine. Tra questi ci sono sicuramente Tom Turcich e la sua cagnolona Savannah, i quali hanno completato di recente il loro lunghissimo viaggio durato ben sette anni, durante i quali hanno percorso insieme 48 mila chilometri attraversando sei continenti.

Tom è un uomo di 33 anni originario del New Jersey, Stati Uniti, il quale a soli sedici anni, colpito nel profondo dalla morte di Annemarie Lynch una sua cara amica e coetanea, ha iniziato a pensare che avrebbe dovuto approfittare di ogni istante della propria vita e che avrebbe per forza dovuto fare qualcosa di indimenticabile.

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Tom Turcich (@theworldwalk)

Per questo, dopo aver letto delle imprese di Steven Newman, la prima persona a fare il giro del mondo, e di Karl Bushby, un uomo che stava circumnavigando la Terra dal 1998, decise che quella sarebbe stata la grande sfida della propria vita. Di fatto, il suo intento non era quello di visitare i luoghi più famosi del mondo come un comune turista, ma di capire a fondo la quotidianità delle persone di differenti culture, passeggiando e vivendo in mezzo a loro.

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Tom Turcich (@theworldwalk)

Così, poco dopo, quando era ancora uno studente iniziò a pianificare l’intero percorso nei minimi dettagli ed a lavorare ogni estate per mettere da parte il denaro che gli sarebbe servito per mantenersi durante il viaggio. In seguito, continuò a vivere con i suoi genitori anche dopo la laurea per poter risparmiare ancora di più e una volta raggiunta la somma che gli avrebbe permesso di non lavorare per circa due anni, nel 2016, poco prima del suo ventiseiesimo compleanno decise di partire solamente con l’essenziale per vivere, ovvero alcuni indumenti, un sacco a pelo, una tenda e degli alimenti, il tutto trasportato su un piccolo carrello.

Tuttavia, poco prima della partenza, un imprenditore locale, amico di famiglia di Annemarie Lynch e di un altro giovane scomparso prematuramente, venne a conoscenza dei suoi piani e rimase talmente impressionato dal “senso del possibile” che trasmetteva Tom che si offrì di sponsorizzare l’intero viaggio.

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Tom Turcich (@theworldwalk)

Al principio il ragazzo pensava di intraprendere il proprio viaggio in completa solitutine, ma solo quattro mesi più tardi, una volta giunto in Texas, incontrò in un rifugio per animali Savannah, quella che sarebbe diventata la propria compagna di avventure e di vita, la quale lo ha anche aiutato a superare vari momenti di solitudine e di sconforto. Da lì i due inseparabili amici di diressero a Panama, per poi attraversare la Colombia e l’Uruguay, dove si imbarcarono per raggiungere l’Antartide.

In seguito, dopo aver fatto una breve tappa nel New Jersey per recuperare i documenti necessari per portare Savannah in Europa, attraversarono l’Irlanda e la Scozia, ma, a causa di un’infezione batterica che colpì Tom, i due dovettero fare ritorno in patria per riprendere le forze.

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Tom Turcich (@theworldwalk)

Una volta guarito, Tom e la sua amica ripartirono per l’Europa e attraversarono la Spagna, la Francia ed il Portogallo, in seguito si diressero in Nord Africa, poi in Italia, Slovenia, Croazia, Montenegro, Albania, Grecia e Turchia.

Il giovane era convinto che il suo viaggio richiedesse all’incirca cinque anni di tempo, ma la sua improvvisa malattia, la pandemia che lo ha bloccato in Azerbaigian per almeno sei mesi e le difficoltà che ha dovuto affrontare per oltrepassare i confini dell’Australia e della Mongolia, entrambe chiuse ai visitatori internazionali, hanno ritardato il tutto e i due amici ci hanno impegato ben due anni di più.

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Tom Turcich (@theworldwalk)

Alla fine, i due sono arrivati a casa nel New Jersey un paio di mesi fa, dove dopo sette lunghi anni hanno trovato moltissime persone ad accoglierli e che hanno voluto persino accompagnarli per gli ultimi chilometri del tragitto. Secondo il Guinness World Records i requisiti per compiere il giro del mondo a piedi consistono nel percorrere almeno 30 mila chilometri attraversando quattro continenti.

Di fatto, Tom e Savannah hanno camminato per 48 mila chilometri ed hanno attraversato 38 paesi in sei continenti e, per questo, lui è ufficialmente la decima persona al mondo a compiere quest’ardua impresa, mentre la bella cagnolona è la prima della sua specie.

 

View this post on Instagram

 

Un post condiviso da Tom Turcich (@theworldwalk)

Tutto il loro stupendo viaggio è stato documentato sul blog di Tom chiamato The World Walk e sull’account Instagram Tom Turcich.

Scorri verso il basso per altri interessanti articoli.

Sai che ora abbiamo aperto un nuovo canale Telegram? Richiedi l’accesso per non perderti i nostri contenuti. CLICCA QUI

Cosa ne pensi del suo lungo viaggio in giro per il mondo? Condividi il contenuto e seguici per altre notizie, storie e curiosità su Curiosando si impara.

Potrebbe interessarti:
Back to top button