Molti malesseri comuni possono essere causati dalla muffa. Come riconoscerli dai sintomi

La muffa, solitamente, si manifesta nei luoghi umidi per via dell’accumulo di batteri e funghi. Queste spore possono provocare diversi disturbi al nostro organismo, i quali non devono essere assolutamente sottovalutati.

La muffa, di per sé, non è nociva per l’uomo, infatti conosciamo tutti molto bene gli alimenti che vengono prodotti con questa sostanza. Di fatto, a provocare disturbi sono le ife che crescono appunto dalle spore della muffa. Le ife arrivano ad intaccare il primo tratto respiratorio ed a creare problemi a chi ha delle insufficienze nelle difese immunitarie.

Per questo motivo, è molto importante assicurarsi che ogni angolo della casa sia libero dalla muffa in quanto quest’ultima può rilasciare delle tossine che rischiamo di ingerire e di inalare. Gli ambienti più a rischio sono sicuramente il bagno e la cucina, ma anche gli scantinati o le pareti delle stanze che hanno problemi di isolamento.

La muffa si crea per via dell’umidità che penetra nei muri, la quale non riuscendo più a fuoriscire entra in contatto con l’aria calda che c’è in casa. Un buon modo per evitare la sua formazione è quello di arieggiare spesso ed a lungo tutte le stanze della casa.

I sintomi dell’avvelenamento da muffa possono variare da soggetto a soggetto, ma quelli più comuni sono i seguenti:

I sintomi più comuni dell’avvelenamento da muffa:

Proprio per il fatto che queste spore arrivano ad intaccare le prime vie respiratorie, è molto facile che possa provocare delle allergie, o il peggioramento di quelle già esistenti, inoltre, sensazione di naso chiuso, asma ed infezioni all’apparato respiratorio.

Altri malesseri potrebbero comprendere dolori muscolari e alle articolazioni, dermatiti ed eruzioni cutanee accompagnate da intenso prurito, dolori e rigidità diffusi, difficoltà a concentrarsi, confusione e lieve perdita della memoria, perdita dell’udito e dei capelli, mal di testa improvvisi, occhi secchi con conseguente sensibilità alla luce, crampi e spasmi alle articolazioni, debolezza ed affaticamento fisico, problemi del sonno, vertigini, intorpidimento e formicolio, diarrea.

Questi sintomi, spesso, non vengono ricollegati alla presenza di muffe e, se quest’ultima, non è ben evidente all’interno degli ambienti che frequentiamo, potremmo avere delle difficoltà nel capire la vera causa dei nostri malesseri.

Hai mai avuto problemi di salute per colpa della muffa? Lasciaci un commento e non dimenticare di condividere queste importanti informazioni con i tuoi amici e di appoggiarci con un Like sulla pagina Facebook Curiosando si impara.

Potrebbe interessarti anche “Come eliminare la muffa dalla lavatrice per evitare infezione delle vie respiratorie e della pelle

Potrebbe interessarti:
Back to top button