Quando la forza di volontà vince ogni difficoltà: Roberto Bressan, l’atleta dei record

Roberto Bressan è una di quelle persone che vorresti conoscere e di cui vorresti sapere tutto. Si tratta di un atleta dalle 1000 risorse e negli ultimi tempi la sua figura sta riscuotendo sempre più successo. Ora, forse, vi starete chiedendo il motivo per il quale proprio noi abbiamo deciso di dedicare un articolo alla sua persona, il motivo (o meglio i motivi) ve li mostreremo strada facendo.

Roberto Bressan: un atleta eccezionale, dentro e fuori dal campo

Roberto Bressan è un ragazzo torinese di 25 anni con la passione per il calcio e ormai da tanti anni è conosciuto nella sua amata Torino come un talento dalle enormi potenzialità, ciononostante tutto questo non descrive affatto il suo profilo: Roberto Bressan prima di essere un portiere è un atleta, dentro e fuori dal campo. Vede la vita come un’enorme sfida e ogni giorno si sveglia con la stessa forza e con la stessa grinta dei grandi campioni, anzi, forse c’è dell’altro.

 

Fin dalla tenera età ha sempre amato il ruolo da portiere ed ha sempre messo tutto se stesso per migliorare le sue competenze e le sue abilità atletiche, tanto è vero che ormai da tanti anni ha cominciato a scrivere ed annotare su un quaderno le statistiche riguardanti le sue prestazioni sui campi da gioco ecd i dati sono sorprendenti: in 6 anni e mezzo ha giocato ben 3489 partite (tra calcio a 11 ed altro) di cui 2100 vinte e 900 pareggiate, di rigori contro ne ha avuti 370 e ne è riuscito a parare ben 220 (cifre che farebbero impallidire anche i portieri più famosi al mondo).

Roberto Bressan tra sport, rivalsa ed altro: le vere ragioni che lo rendono grande

Le statistiche sembrano dare ragione a chi conferma la sua eccezionale abilità nel parare. Però, non è questo il motivo principale che ci spinge a scrivere di lui. Devo ammettere che quando ho conosciuto Roberto Bressan ho provato profonda ammirazione e stupore: nonostante giochi le partite con un handicap fisico, ormai milita da tantissimo tempo sia nei campionati per disabili e sia in quelli per normodotati vincendo 31 volte il premio come miglior portiere di cui 27 nei soli campionati per persone normodotate.

Il fantastico atleta è un faro di speranza per un calcio che tende a vedere sempre di più la notorietà di un atleta e mai il percorso di eroi silenziosi (come lui) che ogni giorno e per tutto il giorno mettono tutto loro stessi per realizzare quegli obbiettivi che molti danno per scontati, come il sacrificio, l’impegno e la costanza. L’amore che egli prova per lo sport deve essere un esempio per tutte quelle persone che vogliono realizzare degli obbiettivi (siano essi sportivi o non).

Roberto Bressan è la prova vivente che il mondo di oggi ha bisogno di esser preso con la giusta filosofia: quella di chi ama lo sport, l’impegno, il sacrificio ed il gioco di squadra, quello vero.

Negli ultimi tempi è approdato negli “Insuperabili, una delle più attive scuole calcio per ragazzi disabili  che ha in Giorgio Chiellini il principale testimonial.

Anche se ha già ottenuto svariati riconoscimenti Roberto Bressan vuole migliorarsi ed arricchire sempre di più il suo palmares (ovvero i suoi trofei) . Il portiere ha grandi aspettative per il futuro e noi dello staff di Curiosando si impara gli auguriamo il meglio per questa fantastica persona.

Questo ragazzo, nonostante le difficoltà della vita, dedica tutto se stesso in qualcosa che ama, dovrebbe essere un grande esempio per tutti coloro che tendono ad arrendersi al primo piccolo ostacolo. Cosa ne pensi? Lasciaci un commento e non dimenticare di condividere la storia di la storia di questo fantastico ragazzo con i tuoi amici e di appoggiarci con un Like sulla pagina Facebook Curiosando si impara.

267 Condivisioni

Cosa ne pensi?


<
>