Un nonno dà 2300 dollari in contanti alla cassiera, ma lei si rifiuta di trasferirli a suo “nipote”

Esistono al mondo degli individui che se ne approffittano delle persone che hanno un cuore grande e cercano di trarre vantaggio dalla loro generosità. Si tratta di una vera e propria pugnalata alle spalle, perchè le vittime sono mosse dalle migliori intenzioni e vogliono solamente poter dare una mano.

Questo è proprio ciò che è accaduto ad un nonno di Cincinnati, in Ohio, negli Stati Uniti. L’uomo era pronto a sborsare ben 2300 dollari ad un completo sconosciuto. Però, fortunatamente, un angelo custode è apparso sulla sua strada e lo ha fermato giuto in tempo.

Cecil Rodgers si stava preparando per trascorrere il Natale con la propria famiglia, quando ricevette una telefonata. L’uomo che lo stava chiamando affermava di essere suo nipote, il maggiore.

“Una voce al telefono mi ha detto: Nonno, sono il tuo nipote più grande. Ho un problema”, racconta Cecil al WCPO News.

Un incidente

Il “nipote” di Cecil sosteneva di aver avuto un incidente in auto.

“Ho tamponato l’auto di una donna incinta di sette mesi. Mi hanno accusato di guidare ubriaco ed ora sono in prigione”, continua a raccontare Cecil.

Ha parlato con l’avvocato

Dopodiché, il “nipote” di Cecil passò il telefono al proprio “avvovato”. L’uomo gli disse che stava cercando di far uscire suo “nipote” dal carcere. Però, non avrebbe potuto farlo fino a quando non avrebbe recuperato tutti i soldi necessari per la cauzione del giovane. L’avvocato disse a Cecil di trasferire i 2300 dollari da un negozio Walmart della città, di modo che avrebbe potuto ritirarli per il ragazzo in un altro Walmart più vicino al carcere.

Voleva aiutare

Chiaramente, Cecil voleva aiutare il proprio nipote e seguì tutte le istruzioni alla lettera. Si recò presso lo sportello automatico della propria banca e ritirò i soldi, dopodiché andò nel negozio Walmart più vicino per fare il trasferimento. Però, fortunatamente, era proprio lì che il suo angelo custode lo stava aspettando.

Quando la cassiera di Walmart, Audrella Taylor, sentì la storia, le vennero immediatamente dei sospetti.

“Disse qualcosa su qualcuno che era in prigione, poi disse di aver ricevuto una telefonata e che doveva inviare al più presto 2300 dollari”, spiega Audrella.

Audrella lavora da Walmart da ben 5 anni e sa perfettamente quando si tratta di una truffa. Per questo non ha permesso a Cecil di trasferire il denaro.

“Rifiuto il mittente. Non le permetterò di inviare questo denaro. Credo che la stiano ingannando”, disse Audrella.

Falso

Audrella disse a Cecil di chiamare i propri figli ed i nipoti per assicurarsi che fosse accaduto realmente qualcosa.

Ovviamente, tutto era falso.

Ma perché Cecil non parlò prima con qualcuno della propria famiglia? I truffatori si raccomandarono di non parlare con nessuno riguardo al trasferimento di denaro, né con i familiari, né con i cassieri.

Cecil prova molta gratitudine nei confronti di Audrella per essersi rifiutata di trasferire il proprio denaro e di avergli aperto gli occhi sulla truffa. Erano molti soldi per Cecil e non poteva permettersi di perderli.

Per fortuna, Audrella era lì ed ha salvato Cecil dal raggiro. Speriamo che più persone possibili possano venire a conoscenza di questo tipo di truffe per riuscire a salvaguardarsi e crediamo che il mondo sarebbe sicuramente un posto migliore se ci fossero più persone generose ed attente come Audrella.

Ti è mai capitato qualcosa di simile? Lasciaci un commento e non dimenticare di condividere con i tuoi amici per informarli di questo inganno.

Seguici per altre curiosità sulla pagina Facebook Curiosando si impara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *