I netturbini hanno raccolto ogni libro buttato nella spazzatura e hanno creato una biblioteca. Adorano leggere

Ogni giorno, sono moltissimi i rifiuti che le persone buttano nei bidoni dell’immondizia, i quali poi vengono raccolti dagli operatori ecologici e portati nei vari centri di smaltimento.

Di fatto, non tutto quello che la gente butta è inutilizzabile ed è per questo motivo che i netturbini della città turca di Ankara hanno avuto un’idea brillante.

Questi lavoratori si sono resi conto che nella loro città, molto spesso, vengono buttati dei libri che sono ancora in buono stato. Così, con il permesso dei propri responsabili hanno cominciato a raccoglierli ed a tenerli da parte.

https://www.facebook.com/797312637020920/photos/a.1629719143780261/1629719327113576/?type=3&theater

Li hanno ordinati per categorie e hanno costruito una vera e propria biblioteca personale all’interno di una fabbrica di mattoni abbandonata. Lì si ritrovavano per leggere e per giocare a scacchi nel tempo libero.

https://www.facebook.com/797312637020920/photos/a.1629719143780261/1629719407113568/?type=3&theater

Però, dopo sette mesi avevano raccolto talmente tanti libri, per la precisione 4750, che hanno deciso di metterli a disposizione di tutti e hanno aperto le porte della biblioteca al pubblico.

Tra gli scaffali di questa libreria ci sono libri di ogni genere, riviste, macchine da scrivere e diversi testi che non essendo più leggibili sono stati riciclati come portalibri, o insieme a dei fili di rame sono serviti per costruire delle lampade. In pratica, in questo luogo è tutto utile e non si butta proprio nulla.

https://www.facebook.com/797312637020920/photos/a.1629719143780261/1629719303780245/?type=3&theater

Si tratta di un’iniziativa meravigliosa sia per il benessere delle persone sia per quello dell’ambiente.

Cosa ne pensi della bellissima idea di questi operatori ecologici? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano conoscere la loro storia. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Potrebbe interessarti:
Back to top button