Una mamma crea delle coperture per le cinture di sicurezza che avvertono i soccorritori sui problemi di salute dei bambini

A volte, un semplice pensiero può dar via ad un successo virale. Questo è accaduto ad una mamma australiana, Natalie Bell, quando ha pensato a cosa potrebbe accadere se si ritrovasse coinvolta in un incidente automobilistico con la propria figlia Shae e non potesse riferire al personale medico i suoi problemi di salute.

Questo pensiero ha spinto la donna a creare una copertura per la cintura di sicurezza della bambina, che potesse avvertire chiunque la stesse aiutando a conoscere le sue condizioni di salute. Durante una sola notte, l’idea è diventata virale e Natalie ha ricevuto migliaia di richieste per delle coperture simili per le cinture di sicurezza.

https://www.facebook.com/263020181156414/photos/pcb.472704296854667/472702240188206/?type=3&theater

Natalie, che vive a Victoria, in Australia, possiede un’azienda chiamata Personalized By Nat dove crea articoli personalizzati e la maggior parte dei prodotti che realizza sono destinati a genitori e figli. Per questo, ha deciso di creare una semplice copertura per le cinture di sicurezza fatta in velcro, con le lettere scritte in grassetto e posizionate su uno sfondo bianco per rendere più facile la lettura.

https://www.facebook.com/263020181156414/photos/pcb.472704296854667/472702263521537/?type=3&theater

La mamma australiana ha creato queste coperture per le cinture di sicurezza per avvertire i soccorritori dei problemi di salute dei bambini

https://www.facebook.com/263020181156414/photos/pcb.472704296854667/474380423353721/?type=3&theater

Il 5 giugno, Natalie Bell ha pubblicato la sua creazione sulla propria pagina Facebook con questa descrizione:

Mi chiedo sempre cosa potrebbe succedere se dovessi rimanere coinvolta in un incidente d’auto con mia figlia, senza essere in grado di riferire ai medici che la bambina non può essere sottoposta ad una risonanza magnetica a causa di un impianto cocleare, ora non ho più bisogno di preoccuparmi con queste coperture per le cinture di sicurezza. Possono essere realizzate per qualsiasi necessità speciale che il team medico dovrà sapere se non sei in grado di dirglielo“.

https://www.facebook.com/263020181156414/photos/pcb.472704296854667/474380486687048/?type=3&theater

Le coperture possono essere fissate facilmente alle cinture di sicurezza o su altri oggetti come per esempio gli spallacci degli zaini. Sebbene Shae sia sorda e la sua copertura indichi questo, Natalie offre una grande varietà di coperture per vari problemi di salute. Le quali includono autismo, diabete, e sindrome di down, inoltre, alcune coperture indicano che il bambino non parla o che potrebbe resistere all’aiuto.

https://www.facebook.com/263020181156414/photos/pcb.472704296854667/475060113285752/?type=3&theater

Natalie sottolinea che i braccialetti medici sono molto utili per la maggior parte delle persone con problemi di salute, ma spesso vengono coperti dai vestiti.

https://www.facebook.com/263020181156414/photos/pcb.472704296854667/476584163133347/?type=3&theater

Mentre le sue coperture per le cinture di sicurezza spiccano e rendono chiaro il problema a chiunque si avvicini, soprattutto considerando che in caso di incidente, le prime persone a intervenire potrebbero non essere dei professionisti medici.

https://www.facebook.com/263020181156414/photos/pcb.472704296854667/476892339769196/?type=3&theater

Natalie vende le coperture sul suo sito al prezzo di 15 dollari. Tuttavia, avverte che a causa della forte domanda, potrebbero trascorrere dalle 2 alle 4 settimane per la consegna del prodotto.

https://www.facebook.com/263020181156414/photos/pcb.472704296854667/476892359769194/?type=3&theater

Potrebbe interessarti Hanno inventato delle scarpe con GPS per localizzare gli anziani che soffrono di demenza. Li aiuterebbe a non perdersi

Cosa ne pensi della sua meravigliosa idea? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano conoscere questa fantastica creazione. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Back to top button