Un gruppo di 633 sub batte il record mondiale di pulizia sottomarina

L’evento ha riunito 633 sub per un solo scopo: effettuare la pulizia subacquea più grande del mondo e ci sono riusciti. Il tutto si è svolto nei pressi del molo di Deerfield Beach, nel sud della Florida, Stati Uniti.

L’organizzazione Dixie Divers ha pubblicato un video nel quale uno dei giudici dei Guinness World Record, Michael Empric, ha annuciato il nuovo primato di pulizia.

Secondo Empric, l’ultimo record di pulizia subacquea apparteneva al sub Ahmed Gabr, il quale, nel 2015, aveva riunito 614 sub per ripulire le acque del Mar Rosso, a Hurghada, in Egitto.

Questa vittoria ottenuta in primo luogo dal pianeta e dallo stato della Floria, è avvenuta grazie a organizzazioni come Dixie Diver, al gruppo di conservazione marina Project AWARE e all’agenzia di sub PADI e altre ancora, senza il loro aiuto tutto questo non sarebbe stato possibile.

Potrebbe interessarti Un’enorme discarica sul fondo del Mediterraneo

https://www.facebook.com/dixiedivers/photos/a.10150584735171831/10156062965481831/?type=3&theater

È stato un successo“, ha detto sul proprio account di Facebook Jack Fishman, uno dei sub che ha partecipato all’operazione di pulizia.

https://www.facebook.com/jackfishman4/videos/pcb.4436097184972/4436139946041/?type=3&theater

L’uomo ha sottolineato che sono stati raccolti più di 9000 pezzi di rifiuti ed ha aggiunto: “Per rendere Deerfield Beach un luogo migliore per tutti coloro che ci vivono, sopra e sotto le onde“.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=4436138786012&set=pcb.4436097184972&type=3&theater

I rifiuti sul fondo del mare sono diventati una parte dell’inquinamento che noi umani lasciamo arrivare negli oceani, danneggiando l’ecosistema marino.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=4436139386027&set=pcb.4436097184972&type=3&theater

Questa situazione è diventata pericolosa per tutti, poiché le buste e le bottiglie di plastica presenti negli oceani sono responsabili di migliaia di perdite di uccelli, mammiferi e rettili. Le particelle più piccole sono in tutti i tipi di organismi e noi umani siamo colpevoli di tutto questo. I pesci e altri specie marine stanno presentando microparticelle plastiche che, generalmente, finiscono anche nel nostro organismo.

Potrebbe interessarti Una donna di 70 anni ha pulito 52 spiagge in un anno, dimostrando che non è mai troppo tardi per iniziare a prenderci cura del nostro pianeta

Incentiviamo più attività come questa, le quali non solo generano consapevolezza, ma ci donano anche la speranza di costruire un mondo migliore.

Cosa ne pensi di questa meravigliosa iniziativa? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere questa interessante informazione. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Potrebbe interessarti:
Back to top button