Le persone non partecipano ai festeggiamenti con i fuochi d’artificio per andare a confortare i cani spaventati del rifugio

Per i cuccioli che sono sensibili ai rumori forti, i festeggiamenti con i rumorosi fuochi d’artificio possono far passare loro un’esperienza a dir poco sgradevole.

I fuochi d’artificio possono far rannicchiare i nostri amici pelosi sotto il letto, o addirittura possono traumatizzarli talmente tanto da portarli a scappare di casa. Il 4 luglio, durante i festeggiamneti del giorno dell’indipenza, negli Stati Uniti molti cani scompaiono proprio per questo motivo.

Per quanto riguarda i cani che si trovano nei canili e nei rifugi e che non hanno nemmeno una famiglia con cui sentirsi al sicuro, non possono fare altro che rannicchiarsi da soli nelle proprie gabbie fino a quando i fuochi d’artificio non sono finiti. Ma un rifugio ha avuto una brillante idea per aiutare questi cuccioli senza casa a rilassarsi durante le vacanze.

Potrebbe interessarti Dei bambini hanno costruito delle casette con materiali riciclati per i cani di strada e il mondo intero li sta applaudendo

Calming the Canines“, calmare i cagnolini, presso la Maricopa County Animal Care and Control (MCACC), è una nuova tradizione del Giorno dell’Indipendenza che aiuta a dimostrare che la gentilezza è patriottica .

L’anno scorso, oltre 300 persone della comunità si sono presentate nei due luoghi del rifugio vicino a Phoenix, in Arizona, per poter confortare i cagnolini spaventati dai fuochi d’artificio.

È stato travolgente vedere come ha risposto la comunità e questo ci ha aiutati a diffondere il nostro messaggio per aiutare gli esseri più sensibili“, ha detto durante un comunicato stampa Ben Swan, il direttore del rifugio.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10217597127059290&set=pcb.10217597127339297&type=3&theater

Amy Engel, che gestisce la pagina Facebook di AZ Dawg Saverz e che ha partecipato al “Calming the Canines” lo scorso anno, ha detto durante un’intervista che ha sicuramente intenzione di partecipare anche quest’anno.

“Alcune persone cantavano per loro, alcune persone leggevano per loro, alcune persone si limitavano a stargli sedute vicine e davano loro dei biscottini! È stato veramente fantastico perché i cani amano assolutamente l’attenzione e rimangono concentrati sulle persone e non sui fuochi d’artificio che ci sono fuori”, ha affermato Amy.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10217597126699281&set=pcb.10217597127339297&type=3&theater

Molti di questi incontri sono stati più che positivi e diverse persone hanno deciso di ritornare nelle strutture per far compagnia ai cani, altre famiglie invece hanno adottato i cuccioli con cui si era creata una meravigliosa empatia.

Dopo il successo dello scorso anno, il rifugio ha fornito alcuni suggerimenti per altri rifugi, i quali potrebbero dare il via agli eventi di “Calm the Canines” in molte zone del paese.

Si spera che questa gentilezza possa essere contagiosa e che sempre più persone decidano di evitare di festeggiare con i fuochi d’artificio e di optare per il bene di tutti.

Potrebbe interessarti Un uomo apre una “casa di riposo” per i cagnolini anziani che sono stati abbandonati

Cosa ne pensi di questi meravigliosi eventi per calmare i cani abbandonati durante i festeggiamenti che prevedono i fuochi d’artificio? Ti piacerebbe se li facessero anche nella tua città? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere questa bellissima iniziativa. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Potrebbe interessarti:
Back to top button