Camminava per 30 minuti per andare a scuola e portava i libri in una busta di plastica, poi qualcuno lo ha sorpreso con dei regali stupendi

Purtroppo non tutti i bambini del mondo hanno le stesse possibilità, anche per quanto riguarda il diritto all’educazione scolastica, poiché, solitamente, chi vive in zone poco servite e proviene da famiglie con scarse risorse economiche si ritrova ad affrontare talmente tanti ostacoli da portarlo ad abbandonare il proprio percorso di studi.

Tuttavia, nonostante le numerose difficoltà, ci sono altrettanti bambini e ragazzi che non si arrendono e fanno enormi sacrifici per potersi garantire un futuro migliore. Proprio come José, un ragazzino di 12 anni che vive con la propria famiglia nella città di Victoria de Durango, in Messico, il quale, ogni giorno, cammina per circa 30 minuti per raggiungere la propria scuola.

TikTok/Ruben Cervantes

Rubén Cervantes è un TikToker che è divenuto piuttosto famoso in Messico perché, attraverso i suoi canali social, sta cercando di dar voce ai più deboli e di aiutare chi si trova in difficoltà. Il suo obiettivo è quello di riuscire un giorno a costruire un centro dove tutte le famiglie vulnerabili possano trovare sostegno e dove chiunque abbia la possibilità di imparare un mestiere per guadagnarsi da vivere, evitando così l’aumento della criminalità.

Di recente, l’uomo stava percorrendo le strade di Durango, quando si è imbattuto nel giovane studente che stava camminando sul lato della strada. Vedendolo solo e con una busta di plastica sotto il braccio, Rubén ha subito capito la situazione e, prima di andare a conoscerlo, ha pensato di procurarsi delle cose che avrebbero potuto essergli utili.

Così, dopo aver fatto alcuni acquisti, il giorno successivo Rubén si è recato nuovamente sul posto dove aveva visto il piccolo e, dopo averlo trovato, si è fermato per chiedergli come stesse e per sapere qualcosa in più su di lui.

TikTok/Ruben Cervantes

Il bambino, con tanta umiltà ed educazione, ha confessato che la busta di plastica funge da zainetto e gli serve per trasportare i propri libri e i propri quaderni fino a scuola, la quale dista poco più di 30 minuti a piedi da casa sua. Il bambino, che ora frequenta la sesta classe, ha raccontato che sin dalla prima ha sempre raggiunto la scuola a piedi da solo, perché, nonostante esista un autobus che fa il suo stesso percorso, la sua famiglia non dispone dei soldi necessari per permettersi il biglietto.

In seguito, Rubén, che aveva intuito più o meno la situazione, ha preso dalla propria automobile uno zainetto pieno di quaderni, matite e tante altre cose utili per la scuola e lo ha consegnato a José, il quale, sorpreso e grato per il bel regalo, ha fatto un enorme sorriso. Prima di salutarlo, l’uomo si è raccomandato con il ragazzino di continuare a studiare con dedizione, dopodiché, gli ha offerto una banconota e gli ha detto che sarebbe servita per prendere l’autobus, ma il piccolo, con molta timidezza, gli ha risposto che non la voleva perché aveva già fatto tanto regalandogli lo zaino, tuttavia, dopo un po’ di insistenza da parte dell’uomo, l’ha accettata.

@rubencerquinz

Valora lo que tienes , El suelo no es parejo para todos !!!

♬ A thousand years – Zeus

Nonostante tutti fossero convinti che la storia di José fosse finita con quel suo stupendo sorriso, Rubén, ripensando al fatto che il piccolo dovesse camminare per più di 30 minuti per raggiungere la scuola, ha deciso che avrebbe dovuto fare qualcosa in più per lui e, dopo alcuni giorni, si è ripresentato nella zona in cui l’aveva incontrato la prima volta per fargli un’altra meravigliosa sorpresa.

Una volta trovato, l’uomo ha detto al ragazzino: “Ciao José come stai? Ti stavo cercando da ieri perché ho una sorpresa per te!“.

Il piccolo, entusiasta, ha osservato Rubén mentre scaricava dal baule della propria auto una bellissima bicicletta di colore blu, dopodiché, travolto dalle emozioni, si è inginocchiato a terra con il manubrio tra le mani ed ha iniziato a piangere. Prima di andarsene, l’uomo si è raccomandato con il bambino di prendersi cura di sè e di continuare a studiare, dopodiché, gli ha consegnato una banconota dicendogli di darla alla propria madre.

Il piccolo, non sapendo come fare per ringraziare al meglio il suo benefattore, gli ha chiesto di poterlo abbracciare e, alla fine, i due si sono salutati stringendosi in un forte abbraccio.

@rubencerquinz

JOSE PARTE 2

♬ A thousand years – Zeus

Per vedere altri video di Rubén puoi seguire l’account TikTok Ruben Cervantes.

Scorri verso il basso per altri interessanti articoli.

Sai che ora abbiamo aperto un nuovo canale Telegram? Richiedi l’accesso per non perderti i nostri contenuti. CLICCA QUI

Cosa ne pensi della storia del piccolo José e della generosità di Rubén? Condividi il contenuto e seguici per altre notizie, storie e curiosità su Curiosando si impara.

Potrebbe interessarti:
Back to top button
Curiosando si impara

GRATIS
VISUALIZZA