Come fare un barattolo della felicità per sviluppare i pensieri positivi nei bambini

Tutte le persone devono, prima o poi, affrontare nel corso della propria vita dei momenti difficili; non importa se questi durano un giorno, un mese oppure un anno, il solo fatto di dover far fronte a delle difficoltà rende sicuramente tutti più forti.

Gli effetti dei pensieri positivi sono stati ampiamente documentati dalla scienza. Per esempio, una ricerca pubblicata nel 2010 dall’Università del Kentucky, afferma che essere ottimisti rispetto ad un determinato ambito è molto importante per determinarne il buon esito.

Nel caso dei bambini non è molto differente.

Come formare bambini ottimisti?

La filosofa britannica Elsa Punset propone un progetto da realizzare insieme ai bambini, si tratta del barattolo della felicità

  • È un’attività ideale da svolgere in famiglia. I genitori, insieme ai bambini, dovranno scegliere un barattolo di vetro. Questo sarà il “barattolo della felicità”. Gli si può scrivere sopra con un pennarello e bisogna posizionarlo in una zona visibile della casa.
  • Ogni giorno, sia i genitori che i bambini dovranno scrivere su un foglietto di carta la cosa migliore che gli è successa durante la giornata. Possono anche essere cose semplici. Una parola dolce detta da un amico, un sorriso, o un compito in classe andato meglio del previsto. Una volta fatto dovremo piegare il foglietto di carta su sé stesso ed introdurlo nel barattolo. Nel momento in cui scriveremo il nostro ricordo ricordo, anche se non ce ne renderemo conto, rimarrà impresso nella nostra memoria.
  • Dopo 6 mesi, o comunque quando il barattolo sarà pieno, si leggeranno insieme tutti i messaggi positivi.

Risultati

  • I bambini imparano a riflettere sulle cose positive che gli capitano durante la giornata.
  • I bambini imparano ad apprezzare i piccoli dettagli che spesso passano inosservati. Ogni volta che tuo figlio scriverà una cosa bella che gli è successa, difficilmente la dimenticherà. Il cervello ricorda più facilmente le cose negative in quanto ci provocano angoscia, questo fa si che continuiamo a pensarci e ripensarci. Le cose positive invece solitamente passano inosservate, però scrivendole e rileggendole dopo pochi mesi sarà più facile che ci rimangano impresse nella mente.
  • I bambini imparano a differenziare i piccoli problemi da quelli realmente seri.
  • I bambini imparano la gratitudine.
  • Migliorerà la comunicazione all’interno della famiglia.
Back to top button