Da “atarassìa” a “solèrte”, le parole da salvare sono più di 3000 e si possono scoprire su un mega vocabolario nelle piazze italiane

Nell’era digitale in cui viviamo, l’utilizzo dei social ci porta sempre più a utilizzare parole comuni, neologismi e prestiti di vocaboli, che non arricchiscono il nostro modo di comunicare. 

Il vocabolario Zingarelli ha in serbo un progetto per riportarci sulla “retta via”: l’iniziativa si chiama #paroledasalvare, e consiste nel recuperare lemmi non più utilizzati nel gergo comune, con lo scopo di arricchire il nostro lessico quotidiano. L’ultima edizione del vocabolario Zingarelli del 2020 presenta una novità: 3126 parole saranno contrassegnate come “da salvare“, attraverso il simbolo di un fiorellino. 

Inoltre, per incoraggiare le persone a partecipare a tale iniziativa, la casa editrice Zanichelli ha proposto di installare nelle maggiori piazze italiane #AreaZ, ossia uno stand a forma di un grande vocabolario, nel quale è possibile usufruire di un monitor touch screen. Quest’ultimo è stato programmato dalla casa editrice per riproporre a rotazione di 5 lemmi per volta, tutte le 3126 #paroledasalvare.

Nell’AreaZ potremo scegliere una delle parole da salvare e postarla direttamente sui nostri account social insieme al suo significato.

Tuttavia, la casa editrice Zanichelli ha pensato anche a chi non è amante dei social network, poiché regalerà una cartolina con la parola da salvare con il suo significato da affrancare e spedire.

Le piazze italiane che accoglieranno questo progetto sono quelle di Milano, di Torino, di Bologna, di Firenze, di Bari e di Palermo. Attraverso questa iniziativa, Zanichelli si è posta l’obiettivo di rendere a portata di tutti una parte meno nota del patrimonio lessicale italiano e di aiutare gli italiani ad arricchire il proprio modo di comunicare attraverso parole aventi sfumature diverse.

Lo stand sarà presente a Torino, in via Garibaldi fino al 5 ottobre. Dopodiché si potrà trovare in piazza Galvani a Bologna dal 6 all’11 ottobre. Dal 12 al 19 ottobre sarà a Firenze, dal 20 al 26 ottobre a Bari e l’ultima tappa sarà a Palermo, dal 28 ottobre al 2 novembre.

Lo scopo del progetto non è sicuramente quello di utilizzare parole poco consuete per pavoneggiarsi con gli altri, ma di dare la possibilità a chiunque di poter elaborare un ragionamento più strutturato e di poter fortificare la propria personalità, trasformando il nostro modo di comunicare in un linguaggio qualitativamente migliore.

Potrebbe interessarti L’ortografia è il nuovo attributo sexy delle persone

Cosa ne pensi di questa iniziativa? Lasciaci un commento e condividi il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano dirti la loro opinione. Seguici per altre notizie, storie e curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Se hai una storia da raccontare, scrivi a info@curiosandosimpara.com

Curiosandosimpara.com è presente anche su Google News, se vuoi rimanere sempre aggiornato con le nostre notizie SEGUICI QUI

249 Condivisioni

Cosa ne pensi?


Potrebbe interessarti:
<
>