L’albero di Frankenstein che è in grado di produrre 40 tipi di frutti diversi

Sam Van Aken è un artista contemporaneo di origini olandesi che vive a Syracuse, negli Stati Uniti, e che lavora come docente presso la School of Art della Syracuse University. Tra i suoi progetti più famosi c’è sicuramente quello che viene definito con il nome di “Albero di Frankestein“, poichè si tratta di una pianta che è in grado di produrre 40 tipi di frutti diversi tra loro come, per esempio, pesche, nettarine, albicocche, prugne e ciliegie.

Nel 2008 l’uomo stava cercando degli esemplari di alberi che potessero permettergli di creare dei fiori multicolore e, per questo, prese in gestione un grande frutteto della New York State Agricultural Experiment Station, che altrimenti sarebbe stato abbandonato a causa della mancanza di fondi, dove iniziò ad innestare le gemme dei 250 alberi da frutto che aveva a sua disposizione su un’unica pianta, sulla quale, nel giro di cinque anni, riuscirono ad attecchire ben 40 rami di diversi alberi “donatori”, ognuno dei quali produce una varietà diversa di drupe (frutti carnosi caratterizzati dalla parte interna legnosa).

YouTube/Agro Argentina

Da allora, durante ogni primavera, lo splendido albero si trasforma in un vero e proprio spettacolo, poiché dalla sua folta chioma sbocciano numerosi fiori che hanno delle sfumature di colore che vanno dal rosso, al rosa, al bianco e, in seguito, nella stagione estiva produce dei deliziosi e gustosi frutti di varietà diverse.

YouTube/Agro Argentina

Dopo il successo iniziale del progetto chiamato “Albero dei 40 frutti“, l’artista, a partire dal 2014, ha prodotto altri 16 alberi uguali che si trovano in 7 stati degli Stati Uniti, sia in luoghi privati che pubblici, come musei d’arte e campus univeritari.

YouTube/Agro Argentina

Di fatto, per ottenere questi straordinari risultati, Van Aken progetta e pianifica ciascuno degli alberi, selezionando con attenzione ogni specie. L’uomo afferma che non si tratta solamente di opere d’arte, ma di un vero e proprio progetto di ricerca e anche di una forma di conservazione che permette a certe varietà di frutta di crescere anche in zone in cui non sarebbe possibile.

YouTube/Agro Argentina

Scorri verso il basso per altri interessanti articoli.

Sai che ora abbiamo aperto un nuovo canale Telegram? Richiedi l’accesso per non perderti i nostri contenuti. CLICCA QUI

Avevi mai sentito parlare di questo interessante progetto? Condividi il contenuto e seguici per altre notizie, storie e curiosità su Curiosando si impara.

Potrebbe interessarti:
Back to top button