Viene ingannato per pagare il matrimonio della figliastra, lui risponde con 5 parole che congelano tutti

Quando due persone si sposano, lo fanno con la speranza e l’intenzione di rimanere insieme per sempre, tuttavia, non sempre è possibile e diverse ragioni possono portare la coppia a separarsi ed a cercare la propria felicità seguendo percorsi differenti.

La storia che segue parla di una donna che, dopo un matrimonio andato male, trova un altro uomo che accoglie sua figlia a braccia aperte. Però non sempre le cose vanno come si desidera.

Vale la pena leggere cosa è accaduto a questo uomo che racconta la sua storia in prima persona:

‘La mia figliastra sta per sposarsi. Sia lei che la madre, negli ultimi sei mesi, hanno dedicato molto tempo per pianificare ed organizzare il matrimonio.

La ragazza si è laureata a settembre. Io ho pagato perché lei potesse studiare all’università e anche se l’istituto era pubblico, mi è costato molto denaro. Lei non ha un lavoro ed ha vissuto con noi durante gli studi e dopo essersi laureata. Le ho anche comprato un’automobile perché potesse raggiungere facilmente l’università.

Dopodiché, il padre biologico è riapparso nella vita della mia figliastra ed hanno cominciato a trascorrere del tempo insieme, lei cercava di fare tutto il possibile per piacere a suo padre. Anche se lui non ha mai pagato nemmeno un centesimo per la sua educazione o per altro (questa è stata una responsabilità della mia compagna che non è riuscita a raggiungere dei buoni accordi durante il divorzio), la ragazza voleva avere il padre nella propria vita. Però, lui è sempre rimasto solo il tempo sufficiente per spezzarle il cuore e per farle promesse che non ha mai mantenuto.

Il luogo dove si è deciso di festeggiare il matrimonio ha 250 posti. Io ho fatto una lista con i nomi di 20 persone che avrei voluto invitare, alla fine sono io che pago tutto. Mi hanno detto che non c’era nessun problema e che le avrebbero inserite.

Un giorno sono andato a giocare a golf con un amico che era stato invitato al matrimonio e gli ho chiesto se sarebbe venuto. Lui mi ha risposto che non aveva ricevuto nessun invito, che sapeva del matrimonio perché lo aveva letto sul giornale, però ne lui ne gli altri amici erano stati invitati.

Quando mi ha detto questo ho cercato subito sul giornale ed ho visto che effettivamente era così. C’erano le indicazioni del matrimonio, appariva il nome della madre (la mia compagna) e del suo ex marito. Il mio nome non c’era da nessuna parte.

Il fatto che i miei amici non avessero ricevuto gli inviti per il matrimonio mi ha portato ad avere una grossa discussione con la mia compagna (stiamo insieme da 10 anni però non ci siamo mai sposati).

La ragione? Hanno pensato che non fossero abbastanza importanti per essere inclusi nella lista limitata di 250 invitati. Io ero veramente infastidito, però ormai non c’era molto che potessi fare. L’offesa ai miei amici era già stata fatta.

La mia compagna mi disse che avrebbe cercato di includere alcuni dei miei amici, in quanto c’erano degli invitati che non sarebbero venuti.  Questo mi ha fatto arrabbiare ancora di più. I miei invitati erano di seconda classe.

Ieri c’è stata la cena prematrimoniale con la mia compagna, la mia figliastra, il suo fidanzato ed i genitori e, una sorpresa, il padre della mia figliastra. Durante la cena lei ha detto di essere molto felice della presenza di suo padre e del fatto che l’avrebbe accompagnata all’altare. Tutti i commensali hanno commentato con frasi del tipo: “che bello!”, “ma è una cosa fantastica!”.

Io credo di non essere mai stato trattato con tanto disprezzo e di non essermi mai sentito tanto arrabbiato in tutta la mia vita. Mi sono preso alcuni secondi per pensare, nel bel mezzo della mia arrabbiatura non potevo decidere se scoppiare a piangere o mettermi a gridare. Quando poi sono riuscito a riordinare i miei pensieri, mi sono alzato ed ho detto che avrei voluto fare un brindisi.

Non ricordo le parole esatte che ho detto, però il mio discorso è stato più o meno così:

“Vorrei fare un brindisi. È stato un onore per me fare parte di questa famiglia negli ultimi 10 anni. In questo momento della mia vita sento e voglio dire grazie ai fidanzati per avermi fatto aprire gli occhi su una cosa molto importante. Mi hanno mostrato che il mio ruolo in questa famiglia non è quello che pensavo.”

A quel punto ho visto gli invitati che mi guardavano confusi e con gli occhi spalancati ed ho continuato dicendo:

“Pensavo di essere rispettato, un patrigno amato e sempre presente per la famiglia, però adesso vedo che il mio ruolo in questa famiglia è stato quello di un bancomat, perfetto per ritirare denaro, però non per molto ancora. Come sono stato sostituito nell’invio degli inviti ed in chiesa, ora cedo anche il mio ruolo di pagatore al vero padre.”

Sono stato egoista? Si aspettano che paghi un matrimonio al quale non posso invitare nessuno. Un matrimonio nel quale non sono stato considerato. Questo è troppo, un abuso da parte della mia figliastra e della mia compagna. Questo stesso pomeriggio ho chiuso il nostro conto in comune ed ho trasferito tutti i miei soldi in un nuovo conto privato.’

Appoggi la sua decisione?

Credi che il patrigno abbia agito in maniera corretta di fronte al trattamento ricevuto dalla compagna e dalla figliastra?

Lasciaci la tua opinione nei commenti e non dimenticare di condividere e di appoggiarci con un Like sulla pagina Facebook Curiosando si impara.

Condivisioni 24K

10 thoughts on “Viene ingannato per pagare il matrimonio della figliastra, lui risponde con 5 parole che congelano tutti”

  1. Ma xche a aspettato dieci lunghi anni evidentemente il conto era bello grasso era ora che si svegliasse a fatto l’azione da grande

  2. non solo ha fatto bene ma benissimo complimenti per la sua bellissima risposta e spero che vada fino in fondo con la sua decisione e che non si lasci ancora abbindolare da questa pseudo compagna e figliastra se li goda i soldi risparmiati e se posso permettermi si cerchi un altra compagna che sia meno interessata al suo conto in banca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *