10+ regole che dovrebbero applicare tutti i genitori per la sicurezza dei propri figli

Crediamo che non possa mai succedere nulla di male ai nostri figli e, per questo, non siamo abituati a prendere alcune semplici precauzioni per evitarlo.

Di seguito alcuni utili consigli per prevenire le situazioni pericolose sia in città che durante le gite fuori porta.

Se il bambino ti racconta qualcosa che ti suona un po’ sospetto, anche se ti sta parlando di amici di famiglia o insegnanti, confida nelle sue parole e assicurati di scoprire tutto ciò che riguarda ciò che ti ha detto perché, spesso, sono coloro che sono più vicini ai bambini che si approfittano di loro.

Se il bambino ti chiama e ti chiede di andare a prenderlo, fallo. A volte, per telefono non è possibile dire tutto ciò che si vorrebbe.

Se il bambino non arriva entro l’ora stabilita, scrivi o chiama i suoi amici, i suoi insegnanti o i suoi compagni di classe e le loro famiglie. Quando un bambino si perde, ogni minuto è molto importante e per questo è bene mettersi immediatamente in contatto con coloro che hanno potuto vedere dove, o con chi se ne è andato.

Una volta ritrovato il bambino, non dimenticare di avvisare tutti.

Se il bambino si perde, descrivere il suo aspetto ed i vestiti che indossa è molto più complicato che mostrare una foto a coloro che potrebbero averlo visto, o alle persone che sono impegnate nelle sua ricerca.

Come già detto, chiama subito chi potrebbe aver visto dove si è diretto o con chi, dopodiché allerta immediatamente le autorità.

Durante una situazione estrema, il bimbo può confondersi anche se conosce bene la teoria su come dovrebbe comportarsi. Prepalalo prima. In numerose occasioni ripeti con lui l’indirizzo di casa ed il tuo numero di telefono, gioca insieme a lui simulando differenti situazioni, come per esempio cosa fare se si perde in un negozio, oppure cosa fare se si perde per la strada, o come si deve comportare se un estraneo gli offre delle caramelle o gli chiede aiuto. In un luogo isolato, mostragli come deve gridare per chiedere aiuto.

Se vai a fare una passeggiata nel bosco, o se ti trovi in un grande parco per un picnic, può essere utile scattare una fotografia anche alla suola delle scarpe dei bambini. Se dovessero perdersi, questa immagine potrebbe aiutare nelle ricerche. Non vestire i bambini con indumenti di un colore che si possa mimetizzare con l’ambiente circostante, dai priorità ai colori vivaci.

Se vi trovate in un centro comerciale, oppure in un parco divertimenti, o comunque in un luogo in cui potrebbe esserci molta gente, mettiti sempre d’accordo con tuo figlio su un luogo dove incontrarvi nel caso in cui doveste perdervi di vista. La cosa migliore è scegliere un posto che si possa vedere da lontano, come per esempio potrebbe essere l’ingresso principale o una fontana.

Nel caso in cui tuo figlio dovesse avere uno smartphone, esistono delle applicazioni con le quali è possibile controllare il dispositivo, sia attraverso la tecnologia GPS per sapere dove si trovano, sia per controllare chat, conversazioni e navigazione. Nel caso contrario, si possono trovare in commercio diversi tipi di gadget, come orologi, braccialetti, portachiavi, ecc., che sono dotati di tracciamento sempre tramite la tecnologia GPS, se ne possono trovare di diversi tipi sulla piattaforma di Amazon QUI

Potrebbe interessarti Niente smartphone per i minori di 12 anni e senza Whatsapp fino ai 16: la polizia spiega i pericoli

Scrivi su un foglio il tuo numero di telefono e quello di altri familiari, nel caso in cui tu non fossi raggiungibile. Specifica anche se il bambino ha problemi di salute o allergie. Fai in modo che questo foglio sia sempre con tuo figlio, per esempio in una tasca interna.

Un bambino quando si perde prova molto stress, oltre a questo ha anche paura che tu possa arrabbiarti. Quando gli parli delle regole, assicurati che capisca bene il fatto che non ti arrabbierai con lui anche se dovesse succedere qualcosa.

Se il bimbo si perde, quando lo ritrovi calmalo, abbraccialo, guardalo negli occhi e respira profondamente con lui. Una volta che si è calmato, parla con lui su quello che è successo, chiedigli perché è accaduto e cosa bissogna fare perché non si ripeta.

Esistono delle ricerche che dimostrano che 9 bambini su 10 raccontano agli sconosciuti delle cose che riguardano loro stessi ed i propri cari e, con la stessa innocenza, tendono ad andarsene con queste persone.

Puoi organizzare, nella classe o nel gruppo di bambini che frequenta tuo figlio, una lezione sulla sicurezza infantile attraverso la quale i più piccoli possano imparare a distinguere i diversi pericoli ed a comportarsi nel modo più adeguato.

Nessuno vuole crescere un bambino che ha paura della sua stessa ombra, per questo motivo non si deve generare terrore nei piccoli, però bisogna cercare di fargli capire con coerenza che i pericoli esistono e che ci sono delle regole da rispettare per non rischiare.

Tu conosci altri suggerimenti? Lasciaci un commento e non dimenticare di condividere queste preziose informazioni con i tuoi amici e di appoggiarci con un Like sulla pagina Facebook Curiosando si impara.

Condivisioni 1K

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *