Il cliente di un bar se ne va senza pagare il conto, ciò che succede dopo sconvolge la proprietaria

La storia che racconteremo ha avuto luogo in Castiglia, in Spagna.

Il 22 febbraio di quest’anno, un cliente di un bar se ne andò senza pagare, portando la proprietaria a credere di essere stata vittima del solito furbetto di turno che aveva scroccato ciò che poteva per poi fuggire come se nulla fosse.

Non tutto è come sembra

Qualche giorno dopo, la commerciante si è dovuta ricredere a fronte di ciò che successe: il “famoso” cliente scrisse di suo pugno una lettera di scuse spiegando il motivo del mancato pagamento, a primo impatto potrebbe sembrare che tutto questo sia semplicemente l’opera di una persona che era cosciente di ciò che ha fatto ma che poi ha avuto i sensi di colpa; ciononostante, i dubbi che rimangono sulla sua buonafede sono stati spazzati via perché l’uomo ha allegato alla lettera di scuse una banconota da 20 euro.

La lettera di scuse recita in questo modo:

Fonte immagine: Notizie.it

“Stimata signora – Il 22 febbraio ho consumato un panino con la frittata, un’insalata russa e una bibita al limone nel vostro ristorante. Purtroppo, per una stupida svista, sono andato via senza pagare. Mi scuso per l’inconveniente causato e allego 20 euro.

Cordiali saluti”.

La proprietaria ha pubblicato la foto della lettera con la banconota ed il post è diventato virale. I commenti sotto il post sono stati molto carini, ora ve ne riporteremo alcuni:

1)“Se tutti si comportassero così il mondo sarebbe un posto migliore”.

2)“Grazie a queste persone possiamo avere ancora fiducia negli esseri umani”

3) “Senza dubbio tutto questo è un buon esempio; in molti avrebbero pensato solamente a se stessi, senza curarsi dei sacrifici del ristoratore”.

Cosa ne pensi del gesto del cliente spagnolo? Tu cosa avresti fatto se fossi stato nei suoi panni? Lasciaci un commento e non dimenticare di condividere l’articolo con i tuoi amici e di appoggiarci con un Like sulla pagina Facebook Curiosando si impara.

Condivisioni 2K

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *