Un bebé viene alla luce con la sindrome della sirena. Muore prima che la propria mamma possa sapere se è un maschio o una femmina

Ci sono bambini che potrebbero essere più speciali di altri. In molti casi si tratta di sensazioni, in altre di fattori concreti.

Ed è quanto si sarebbe potuto dire di una giovane mamma indiana che, all’età di 23 anni, ha dato alla luce un “bambino sirena”.

La sindrome della sirena o Sirenomelia rappresenta una rara forma di malformazione congenita, per la quale un bimbo nasce con gli arti inferiori fusi. Esattamente come una sirena.

Foto: Caters News Agency

Una rarità che, secondo gli esperti, può essere quantificata in una nascita ogni centomila. Una percentuale bassissima, tenuto conto che equivale alle stesse possibilità che ad un parto possano corrispondere dei gemelli siamesi.

La ventitreenne Musukura Bibi ha dato alla luce un bimbo che, agli occhi degli increduli medici, si è presentato con le sembianze descritte. I dottori si sono trovati di fronte a qualcosa che, in India, non avevamo mai visto prima.

Si è trattato infatti del secondo caso di sirenomelia che si sia mai verificato in India da quando i parti sono censiti.

Davanti ci si è trovati ad un neonato che nella zona del tronco risultava perfettamente formato secondo quelli che sono i canoni di qualsiasi essere umano. La rara anomalia, invece, riguardava gli arti inferiori.  

Foto: Caters News Agency

In particolare a generare la morte dovrebbero essere stati dei problemi di circolazione. Ed, inoltre, nel corso della breve vita non è stato possibile accertare se si trattasse di un maschio o di una femmina, non essendo visibili i caratteri sessuali per via della fusione tra i due arti inferiori.

È abbastanza noto che i nati con la sindrome della sirena non riescano a superare mai gli uno o i due giorni di vita per via di un comprovato malfunzionamento dei reni derivante dal mancato sviluppo della vescica urinaria.

Il primo caso di sirenomelia censito in India risalirebbe al 2016 ed in quel caso il piccolo nato era riuscito a sopravvivere solo dieci minuti

Foto Pinterest

Shiloh Pepin, invece, era riuscita ad aggirare le statistiche, pur morendo all’età di soli dieci anni, nel 2009.

Purtroppo esistono ancora molti misteri che la medicina non è in grado di risolvere, speriamo che al più presto si possano trovare delle soluzioni per questi bimbi così sfortunati. Lasciaci un commento e non dimenticare di condividere con i tuoi amici e di appoggiarci con un Like sulla pagina Facebook Curiosando si impara.

Back to top button