Le 7 attività che i tuoi figli dovrebbero svolgere al di fuori della scuola riassunte in uno schema

Si, il judo, la pittura, la musica o la danza vanno molto bene. Completano tutto ciò che nostro figlio impara a scuola ed in più gli forniscono molti benefici. Però, a volte, dimentichiamo quelle attività di base, molto più economiche e stimolanti. Forse perché pensiamo che siano ovvie, o troppo semplici, o perché, semplicemente, non ci rendiamo conto che sono fondamentali per i nostri bambini.

Si tratta di quelle attività tanto necessarie per i nostri figli come giocare… o annoiarsi. Ma c’è di più. Osserva con attenzione il seguente schema dove sono presenti le 7 attività base che i nostri figli dovrebbere svolgere al di fuori dall’orario scolastico. Le prenderai in considerazione?

 

Stampa e tieni a mente questo fantastico schema con le 7 attività che i tuoi bambini dovrebbero svolgere al di fuori della scuola ogni settimana.

Sia che si tratti del periodo scolastico o delle vacanze, queste sono senza dubbio le migliori attività extrascolastiche alle quali puoi iscrivere tuo figlio. L’idea, che parte dal metodo Montessori, sembra perfetta da stampare e da tenere sempre a mente. Perché a volte ci dimentichiamo le cose basilari e perché, di fronte a tante informazioni ed a tante offerte affascinanti per i nostri figli, risulta sempre più difficile riuscire a concentrarsi sulle cose importanti. Senza sminuire attività come il calcio, la danza, la musica, la pittura, queste altre attività extrascolastiche sono molto più essenziali e molto meno costose:

 

1# Collaborare nelle faccende di casa. Non si tratta di una proposta. È praticamente un obbligo. Se i bambini hanno dei diritti, hanno anche dei doveri e tra questi c’è la collaborazione dentro casa. Bisogna ricordare che questi compiti non implicano un castigo per loro, ma nemmeno un premio. È stato dimostrato che i bambini che partecipano nei lavori di casa si sentono più apprezzati e sono più indipendenti, questo contribuisce a far crescere la loro autostima ed a migliorare la fiducia in se stessi. Si sentono una parte importante della famiglia e sperimentano per la prima volta cosa significhi avere delle responsabilità.

2# Giocare. Giocare con papà, con mamma, con i fratelli. Giocare con gli amici, con i nonni, con gli zii. Giocare con i cugini e con i vicini di casa. Giocare da soli. Giocare, significa anche (non dimenticarlo mai) imparare.

3# Andare o uscire di casa. Uscire per una passeggiata. Andare al parco, fare un’escursione in campagna o, perché no, in spiaggia. Andare a fare un giro per un bimbo significa muoversi, saltare, correre, scoprire, immaginare.

4# Disegnare. Sai quanti benefici ha un bambino nell’utilizzare le sue matite colorate? Non serve che tuo figlio sia Picasso, è sufficiente che usi la sua immaginazione. Colorare permette lo sviluppo delle sue capacità fino motorie, aumenta la sua concentrazione, potenzia la propria pazienza, migliora la propria autostima; lascia che immagini, che crei e che possa fantasticare. Hai bisogno di più motivi per incoraggiarlo a disegnare?

5# Leggere. Se parliamo dei benefici del disegno, non possiamo fare altro che arrenderci alle meraviglie della lettura. Leggere per un bambino significa aprire una porta enorme sull’apprendimento. I libri trasmettono valori, emozioni, vocaboli… Aiutano i bambini a sviluppare la memoria, l’attenzione, la comprensione. E, naturalmente, stimolano la loro immaginazione.

6# Annoiarsi. Tendiamo a pensare che nostro figli debba sempre essere impegnato in qualcosa che non lo faccia annoiare. Per questo programmiamo la sua agenda con centinaia di attività, gli offriamo migliaia di giocattoli, accendiamo la televisione, giochiamo con lui per riempire quei pochi minuti che rimangono liberi. Grande errore. Questi minuti (i minuti che gli rimangono liberi) sono esattamente quelli che gli dobbiamo lasciare per fare in modo che si annoi. Sai perché? Perché la noia è un favoloso generatore di idee. Lascia che tuo figlio si annoi, gli permetterai di potenziare la propria creatività, la sua capacità di inventare, di immaginare. Non ti sembra affascinante?

7# Niente televisione né apprecchi elettronici per 24 ore consecutive ogni due giorni. Questa è indubbiamente l’attività che potrebbe creare più polemiche e sarà la più complicata da affrontare. Al giorno d’oggi il tablet, la televisione, ecc. sono presenti nella vita dei bambini tutti i giorni della settimana. Già non ricordiamo più com’era la vita prima, vero? E se ci provassimo? Cerchiamo di riempire un’intera giornata con delle attività che non siano “elettroniche”. Cosa succederà? proviamoci!

Cosa ne pensi di queste attività extrascolastiche? Lasciaci un commento e non dimenticare di condividere questo schema con altri genitori.

Seguici per altre curiosità sulla pagina Facebook Curiosando si impara e se hai un account Pinterest puoi seguire la nostra nuova pagina con argomenti suddivisi per categorie QUI.

8K Condivisioni

Potrebbe interessarti:
Back to top button
<
>

Adblock rilevato

Per continuare devi disattivare l'adblock in questo sito web.