Scoprono in Egitto un misterioso sarcofago in granito nero che non è stato aperto per 2.000 anni

La scoperta è stata fatta dalle autorità locali, le quali stavano effettuato degli scavi di routine prima della costruzione di un edificio.

Un’inaspettata scoperta ha sorpreso un gruppo di archeologi che stavano realizzando degli scavi di routine prima di autorizzare la costruzione di un edificio nel distretto di Sidi Gaber, nella città di Alessandria d’Egitto.

Si tratta di un antico sarcofago di granito nero che non è stato aperto per ben 2 mila anni e, di fatto, si tratta di una cosa abbastanza strana vista l’abbondante quantità di saccheggiatori di reperti che sono sempre alla ricerca di queste tombe millenarie per profanarle, afferma Smithsonian Magazine.

An Egyptian archaeological mission from the Supreme Council of Antiquities uncovered an ancient tomb dating back to the…

Posted by ‎Ministry of Antiquities وزارة الآثار‎ on Sunday, 1 July 2018

Secondo il Ministero delle Antichità d’Egitto, questo sarcofago è uno dei più grandi mai scoperti ad Alessandria, ha un’altezza di 185 centimetri, una lunghezza di 265 centimetri ed una larghezza di 165 centimetri. Il sarcofago è stato ritrovato a quasi cinque metri di profondità insieme ad un busto di alabastro, il quale, probabilmente, era un omaggio per il defunto.

Gli esperti ritengono che la tomba possa risalire al tempo dei Tolomei, una dinastia di faraoni che governò dal 305 a.C. al 30 a.C. Ad oggi, sono ancora poche le informazioni che gli specialisti del settore hanno su questa meravigliosa città fondata da Alessandro Magno ed in seguito governata da Tolomeo e dai suoi discendenti, questo è dovuto al congestionamento urbano della zona metropolitana che è stata eretta sulle rovine di palazzi di marmo, monumenti ed opere antiche.

Tuttavia, grazie al lavoro che numerosi archeologi hanno realizzato nel corso degli anni, sono state fatte delle scoperte altrettanto importanti, come per esempio i resti dell’Università di Alessandria, così come le rovine di Pharos, considerate come una delle sette meraviglie del mondo antico.

Cosa ne pensi di questo eccezionale ritrovamento? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere queste interessanti informazioni. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

4K Condivisioni

Cosa ne pensi?


<
>