Come comportarsi se un bambino è DISOBBEDIENTE e non ascolta

La disobbedienza, molte volte, fa parte del processo di crescita dei bambini che attraversano delle fasi nelle quali sfidano e sperimentano. Alcune volte, questi conflitti sono troppo frequenti e generano dei problemi nelle relazioni tra i genitori e i propri figli. È questo il momento in cui si dovrebbe rivolgersi ad un consulente e la terapia, solitamente, risulta essere conveniente prima che le relazioni tra genitori e figli degenerino.

Sono diverse le cause che possono generare la disobbedienza: stress scolastico, conflitti tra i genitori, divorzi, gelosie, difficoltà a livello sociale, problemi con gli insegnanti, ritardo del linguaggio, disturbi del sonno, ADHD, iperattività, difficoltà di letto-scrittura.

I motivi possono essere molteplici e, a volte, possono essere difficili da riconoscere dalle persone che circondano il bambino. Però, se questo stato emotivo si prolunga nel tempo, i bambini possono sentirsi infelici, si può ridurre la loro autostima e anche il loro rendimento scolastico ne può risentire.

È importante valutare dove e a chi disobbedisce il bambino, perché spesso si tratta di un chiaro segnale per riconoscere i conflitti e per poter trovare una soluzione efficace. Per esempio, ci sono bambini che a casa hanno un comportamento ribelle e disobbediscono continuamente ai propri genitori, ma quando vanno a scuola obbediscono e rispettano le regole senza problemi.

Come correggere il comportamento di un bambino disobbediente

Essere comprensivi

Quando gli chiedi di venire a pranzo e lui risponde urlando: “Non ora!”, dopodiché, quando lo costringi a entrare in casa comincia a piangere, prova a metterti nei suoi panni. Abbraccialo e rassicuralo sul fatto che capisci bene quanto sia difficile lasciare gli amici o i giochi, però il pranzo è pronto e per questo motivo bisogna andare.

Si tratta di dimostrargli che, in realtà, sei al suo fianco. Cerca di non arrabbiarti, sii gentile ma fermo e fallo venire a tavola quando lo deve fare.

Stabilisci dei limiti

I bambini hanno bisogno di limiti. Stabiliscili e assicurati che tuo figlio sappia quali sono. Diglielo chiaramente: “Non si picchia. Se sei arrabbiato, usa le parole per dire a tuo fratello che vuoi che ti restituisca il giocattolo”, oppure “Ricorda, devi sempre darmi la mano quando siamo per la strada”.

Se tuo figlio (come molti altri bambini) ha dei problemi quando è il momento di seguire le regole, cerca di trovare una soluzione. Se fa i dispetti alla sua sorellina perché, per esempio, si sente messo da parte, fatti aiutare da lui per farle il bagnetto o per darle la pappa, poi fai in modo di trovare del tempo da trascorrere solo insieme a lui. Se si alza dal letto perché ha paura del buio, metti una lampada nella sua cameretta.

Incoraggia il buon comportamento

Al posto di concentrarti nel comportamento di tuo figlio solo quando si comporta male, cerca di fargli capire anche quando agisce in modo corretto. Un semplice “Grazie per aver appeso la tua giacca”, o “Mi sei di grande aiuto quando condividi i tuoi giocattoli con la tua sorellina”, queste frasi lo motiveranno a ripetere i buoni comportamenti.

E sebbene tu possa essere tentato di rimproverarlo verbalmente quando il suo comportamento non è dei migliori, morditi la lingua. Quando un bambino si comporta male, lui stesso si sente male. Farlo sentire peggio genera un comportamento ancor più negativo. Mantieni la calma e cerca sempre di essere un buon esempio per lui.

Hai altri consigli per agire di fronte ad un bimbo disobbediente? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere queste interessanti informazioni. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Potrebbe interessarti:
Back to top button
Curiosando si impara

GRATIS
VISUALIZZA