La donna che ha fatto annullare più di 850 matrimoni di spose bambine in Africa

Theresa Kachindamoto è la leader africana di Dedza, uno dei 28 distretti del Malawi, a sud-est dell’Africa. Da quando è al potere, ha annullato più di 850 matrimoni infantili ed è riuscita a fare in modo che tutte queste bambine e bambini potessero ritornare a scuola. Si tratta di un’autentica eroina.

Malawi. Africa. Probabilmente, molti di noi non saprebbero indicare sulla cartina dove di trova questo stato africano, ma è sufficiente dare una rapida occhiata su Google per scoprire che la sua capitale è Lilongwe, che si parlano l’inglese e il chicheŵa, che ha una popolazione di circa 16 milioni di abitanti e che la principale causa di morte è rappresentata dall’HIV. L’alto tasso di mortalità e la breve aspettativa di vita lo rendono uno dei paesi più poveri e giovani al mondo.

https://www.facebook.com/AfricaWcom/photos/a.267682976705304/827042357436027/?type=3&theater

Questo paese africano, per molti anni è stato tra i primi posti per celebrare il maggior numero di matrimoni infantili in tutto il mondo. Una bambina su due veniva obbligata a sposarsi prima dei 18 anni, in questo modo veniva privata della sua educazione ed il suo sviluppo all’interno della società veniva interrotto per un’unione che, in molti casi, prevedeva gravidanze precoci e maltrattamenti. Questo è il motivo per cui Theresa Kachindamoto, leader del distretto di Dedza, ha voluto mettere fine a tutto questo.

Theresa è stata nominata leader del distretto nel 2003, ma i primi veri cambiamenti sono avvenuti nel 2015, quando il Malawi ha approvato una legge che proibisce i matrimoni infantili. Tuttavia, questa legge poteva ancora essere scavalcata se i genitori e i leader territoriali fossero stati d’accordo con l’unione e, per questo motivo, la donna dovette trovare altri modi per raggiungere il proprio obiettivo.

Fu proprio allora che adottò il pugno di ferro per mettere fine a questa tradizione che continuava a portare solamente problemi ai cittadini.

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10156593332980908&set=a.97839415907&type=3&theater

Era molto difficile convincere i genitori delle bambine e dei bambini, vittime di queste unioni, a cambiare il loro punto di vista e il problema continuava a persistere. Per questo motivo decise di adottare un’altra strategia e fece in modo che i 50 leader territoriali che erano sotto il suo comando annullassero qualsiasi tipo di unione tra persone minori di 18 anni. I leader che non erano d’accordo con le sue idee vennero licenziati, ma la donna diede loro l’opportunità di essere riassunti nel caso in cui avessero deciso di sostenerla.

“Che vi piaccia oppure no, voglio che questi matrimoni vengano annullati”, racconta Theresa durante un’intervista.

330 matrimoni annullati in un solo mese

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10212691307708032&set=a.1379508618197&type=3&theater

Ad oggi, non solo ha obbligato i suoi leader a firmare un accordo che proibisce i matrimoni infantili, ma ha anche fatto annullare più di 850 matrimoni già esistenti, 330 dei quali solo nel giugno del 2015. Inoltre, è riuscita a fare in modo che queste bambine e questi bambini ritornassero a scuola.

“Non voglio matrimoni infantili. Questi bambini devono andare a scuola. Nessun bambino deve stare a casa a fare i lavori domestici durante l’orario scolastico”, ha affermato durante un’intervista ad un’emittente locale.

Per essere sicura che i bambini frequentino effettivamente la scuola, questa grande leader africana ha una rete di “spionaggio” segreta composta da genitori di diverse zone che sorvegliano tutti i bambini. Quando le famiglie non possono permettersi le tasse scolastiche, la donna interviene perché possano trovare il sostegno necessario. Nonostante questo, Kachindamoto ha trovato una forte opposizione da diverse coppie e dai loro genitori, specialmente quando avevano ricevuto come dote una cospicua somma di denaro.

Il tutto è cominciato durante un viaggio, Theresa stava andando a trovare delle famiglie di un altro distretto, quando ad un certo punto vide una bambina che aveva un neonato che piangeva tra le sue braccia. Le si avvicinò e le disse di portarlo a sua madre, ma la ragazzina che aveva circa 14 anni le rispose che la madre era lei. Così Theresa andò a cercare il padre e vide che era un bambino della stessa età che in quel momento stava giocando al pallone lì vicino. Da quel momento capì che avrebbe dovuto fare qualcosa di concreto per cambiare le cose.

https://www.facebook.com/MaikEgosumQuisum/photos/a.321131361298331/1672338652844255/?type=3&theater

“All’inizio è stato molto difficile, ma adesso la gente sta cominciando a capirlo”, afferma la donna.

Cosa ne pensi del meraviglioso lavoro di questa donna forte e coraggiosa? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere la sua incredibile storia. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Back to top button