Ha comprato un aeroplano per salvare centinaia di cani dall’eutanasia

Paul Steklenski è un uomo statunitense di 45 anni, è un veterano dell’esercito militare e, attualmente, si occupa di ingegneria informatica. Ma questa non è la sua vera missione nella vita, perché dal 2015 ha fondato un’associazione autofinanziata attraverso la quale è già riuscito a salvare più di 1300 cani dall’eutanasia.

L’uomo si è reso conto di voler aiutare quanti più cani possibile, dopo aver adottato Tessa, una dolce cagnolina abbandonata. Così, è nata la Flying Fur Animal Rescue.

Come viene spiegato sul sito, ogni giorno sono molti i cani che vengono condannati all’eutanasia, solamente perché nel rifugio dove si trovano, non c’è nessuno disposto ad adottarli. Ed è a questo punto che interviene la Flying Fur Animal Rescue, dei volontari raggiungono i rifugi dove ci sono dei cani che stanno per essere soppressi e li portano in altre zone dove invece hanno la possibilità di ricominciare una nuova vita.

Potrebbe interessarti La missione spirituale dei cani nella nostra vita

L’organizzazione no profit viene finanziata con 10 mila dollari all’anno dal proprio fondatore e dalle persone che offrono delle donazioni, inoltre, da alcuni anni a questa parte dispone anche di un aeroplano attrezzato per il soccorso degli animali. L’aeroplano è stato il primo vero e proprio traguardo raggiunto dopo due anni di attività da questi grandi amici degli animali.

I volontari operano lungo la costa orientale del Nord America attraverso una rete di organizzazioni per il soccorso degli animali, ma quando serve, non temono le lunghe distanze e raggiungono i cagnolini in difficoltà anche in zone molto più lontane.

Potrebbe interessarti Poliziotti installano dei distributori di acqua e cibo per i cani randagi

Ad oggi, sono già riusciti a mettere in salvo ben 1346 cani e sulla loro pagina Facebook sono state pubblicate tutte le loro simpatiche foto. Oltre a questo, attraverso l’organizzazione, Paul spera di acquisire presto un’azienda agricola nel sud-est che possa essere trasformata in una struttura di salvataggio. Secondo Paul, se riuscissero a costruire anche una pista di atterraggio sarebbero in grado di salvare molti più animali.

Cosa ne pensi della grande iniziativa di Paul? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere questa bella storia. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Potrebbe interessarti:

Non perderti:

Altri articoli

<
>