Un cane ha camminato per 200 km con le “lacrime agli occhi” per ritrovare il proprietario che l’ha abbandonato

Maru, una bullmastiff di un anno, è stata venduta ad una coppia in Russia, precisamente a Krasnoyarsk, circa sei mesi fa, dopodiché, è stata riconsegnata all’allevamento poiché la donna ha affermato di essere allergica all’animale.

Tuttavia, durante il viaggio in treno che stava riportando Maru all’allevamento di Novosibirsk, lei è riuscita a scappare dal mezzo che in quell’istante stava sostando presso una piccola stazione.

Potrebbe interessarti I cani che non sono stati adottati vengono allenati per essere cani da terapia

Come riporta il The Siberian Times, il proprietario dell’allevamento, Alla Morozova, aveva raggiunto un accordo con i proprietari di Maru per metterla sul treno che la riportasse a Novosibirsk.

Inoltre, per motivi di sicurezza, era previsto che durante il lungo viaggio fosse presente un addetto che si prendesse cura di lei. Tuttavia, Maru, spaventata dal rumore del treno e dal fatto di non vedere più i suoi proprietari, non appena il treno si è fermato è riuscita a scappare.

Nonostante la sosta si stata molto breve, Maru è riuscita a fuggire dalla persona che la stava seguendo; con un salto ha raggiunto la maniglia della porta del compartimento per aprirla, poi è saltata fuori velocemente.

In quel momento, dall’inizio del viaggio di Maru, il treno aveva già percorso più di 200 chilometri sulla ferrovia Transiberiana e si trovava nel bel mezzo della taiga.

Dopo che Maru ha abbandonato il mezzo ferroviario, il responsabile del cane ha urlato più volte, nell’invano tentativo di farla ritornare. Ma quando si è reso conto che ciò non sarebbe accaduto, ha avvisato i proprietari, i quali si sono rifiutati di aiutare nelle ricerche.

Morozova ha affermato che: “Non erano affatto turbati e non gli importava nulla che il loro cane si fosse perso“.

L’uomo ha così pubblicato diversi messaggi sul web e ha distribuito molti volantini nel tentativo di ritrovarla.

Incredibilmente, Maru è stata ritrovata due giorni e mezzo dopo a 200 chilometri dal luogo in cui era scappata. La piccola si trovava in una zona industriale di Krasnoyarsk, la città da cui era partita e dove aveva vissuto fino a pochi giorni prima con i suoi vecchi proprietari.

Il proprietario dell’allevamento ha affermato che è stata molto fortunata, perché durante il viaggio avrebbero potuto attaccarla degli orsi o dei lupi.

Al momento del ritrovamento, la piccola presentava delle lacerazioni sui cuscinetti delle zampe e aveva una ferita sul muso che si era procurata cadendo dal treno. Inoltre, era completamente esausta e le persone che l’hanno soccorsa dicono che in quel momento aveva letteralmente le “lacrime agli occhi“.

Da quel giorno in poi, la piccola Maru è tornata a vivere nell’allevamento di Novosibirsk dove si stanno prendendo cura di lei perché possa riprendersi dalla brutta avventura appena vissuta.

Potrebbe interessarti Un ragazzo di 12 anni crea dei papillon per gli animali dei rifugi per aiutarli ad essere adottati

Cosa ne pensi della storia di Maru? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggerla. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Potrebbe interessarti:
Back to top button