Martin, il taxista che aspetta che tu sia entrato in casa

Martin Castro è un taxista di El Grove, un municpio che si trova nella comunità autonoma della Galizia, in Spagna, che ha implementato un nuovo servizio per i suoi viaggi: per chiunque lo chiede, attende nel proprio veicolo che la persona sia già entrata nella propria porta di casa prima di andarsene.

Sono sempre di più le clienti che di notte mi chiedono di aspettare che siano entrate in casa, o che siano entrate nel portone del palazzo, soprattutto si tratta di donne che vivono nelle zone più isolate. Con tutto quel che succede, è normale che abbiano paura e da qui è nata la mia idea“, afferma l’uomo.

Martin Castro si è recato in una copisteria locale per farsi fare degli adesivi informativi con il proprio logo e, da alcuni giorni, li ha posizionati sul proprio taxi.

Li ho messi all’interno dell’auto per fare in modo che nessuno si vergogni di chiedermelo. A me non costa niente farlo. Si tratta solamente di aspettare alcuni minuti ed è un modo per migliorare la sicurezza della città. Vorrei che non fosse necessario“, afferma il taxista.

Per il momento, è l’unico taxi della zona che offre questo servizio, ma dopo aver pubblicato sui social network la propria intenzione, sono stati in molti a complimentarsi per la brillante idea.

Questo stesso servizio era già stato implementato da alcuni padroncini delle città di Vigo oltre un anno fa.

Di fatto, hanno chiesto al Consiglio che nell’ordinanza che li disciplina venga incluso questo servizio come obbligatorio. Questa misura ha lo scopo di garantire la sicurezza degli utenti, i quali, a volte hanno subito molestie o sono stati aggrediti quando hanno tentato di accedere alla propria porta di casa, perché il loro aggressore li stava aspettando nelle vicinanze.

Potrebbe interessarti Con i suoi 92 anni questo pediatra brasiliano visita i bambini bisognosi

Cosa ne pensi di questo servizio? Ti piacerebbe se lo facessero anche i taxisti della tua città? Lasciaci un commento e condividi il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano conoscere questa bella iniziativa. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Hai una storia da raccontarci? Scrivi a info@curiosandosimpara.com

2K Condivisioni

Cosa ne pensi?


Potrebbe interessarti:
<
>