A Santa Maria di Leuca il mar Adriatico e il mar Ionio si fondono in un abbraccio

È difficile immaginare un luogo dove sia possibile ammirare il confine tra due mari, eppure ciò accade a Santa Maria di Leuca, nei pressi del promontorio di punta Melisio, proprio nel punto in cui si incontrano il mar Ionio e il mar Adriatico.

Questa visibilità che appare è dovuta ad una differenza di salinità delle due acque, le quali posseggono due colori cromatici diversi tanto da creare una vera e propria linea di confine.

Anche se la separazione ufficiale tra i due mari avviene per via del canale di Otranto, le acque invece decidono di dividersi a Santa Maria di Leuca, dove chi ha ammirato tale fenomeno è rimasto davvero sorpreso.

La teoria del motivo per il quale le due acque sono di diverse colorazioni, è stata confermata da uno studio effettuato dall’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale di Trieste, il quale afferma che oltre ad uno scambio di acque, si ha anche uno scambio di specie marine che si diffonde in tutto il Mediterraneo.

La bellissima località di Santa Maria di Leuca si trova all’ estremità della regione e da centinaia e centinaia di anni rappresenta il punto di incontro tra il mar Ionio e il mar Adriatico. Un fenomeno simile avviene anche nel golfo dell’Alaska, in Nuova Zelanda e in Grecia.

Condizioni meteo permettendo e senza nebbia, i turisti e gli abitanti del luogo possono ammirare e fotografare il confine delle acque.

Da questo affascinante evento, sono nate moltissime leggende, poiché le popolazione del passato credevano che punta Meliso, nei pressi di Santa Maria Leuca, fosse proprio uno dei confini più estremi del pianeta terrestre.

Quanto ti MANCA il Mare della Puglia?

Posted by I Love Puglia on Monday, 10 March 2014

Potrebbe interessarti “Chiuso per tramonto”. Il libraio che chiude ogni giorno il suo negozio per andare a osservare il tramonto sul lungomare

Conoscevi questo meraviglioso fenomeno? Lasciaci un commento e condividi il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere queste interessanti informazioni. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Hai una storia da raccontarci? Scrivi a info@curiosandosimpara.com

5K Condivisioni

Cosa ne pensi?


Potrebbe interessarti:
<
>