Piantare miliardi di alberi è la “migliore soluzione disponibile per contrastare i cambiamenti climatici”, lo rivela uno studio

È stato condotto un nuovo studio per la possibile soluzione ai cambiamenti climatici, che consiste nel piantare 500 miliardi di alberi nel mondo, in modo da ridurre del 25% l’anidride carbonica dall’atmosfera.

La riforestazione, proposta da questo studio pubblicato su Science Friday, non intaccherebbe i terreni già adibiti all’agricoltura. Inoltre, gli studiosi hanno calcolato l’estensione della riforestazione: basterebbero 0,9 miliardi di ettari di terreno, pari ad un’area delle dimensioni degli Stati Uniti, per mettere in pratica il progetto.

Tom Crowther, autore della ricerca e professore dell’ETH-Zurigo, ha affermato che: “Lo studio mostra chiaramente che il ripristino delle foreste sia la migliore soluzione disponibile ad oggi per contrastare il cambiamento climatico, e fornisce prove concrete per giustificare gli investimenti. Se agissimo fin da subito, questo potrebbe ridurre l’anidride carbonica nell’atmosfera fino al 25 percento, e raggiungeremmo i livelli visti per l’ultima volta quasi un secolo fa“.

 

 

 

Il progetto porterebbe risultati sorprendenti, poiché i nuovi alberi eliminerebbero circa 200 gigatonnellate di carbonio, pari alla quantità di combustione di carbon fossile immessa nell’atmosfera a partire dalla Rivoluzione industriale inglese.

Purtroppo, la piantagione di nuovi alberi comporta un limite non trascurabile, ossia il tempo. Gli alberi sono esseri viventi e avrebbero bisogno dai 50 ai 100 anni per assorbire le gigatonnellate di carbonio presenti.

Crowther ha sottolineato al “The Guardian” che la piantagione di alberi è la soluzione più facile da mettere in pratica fin da subito per mitigare i cambiamenti climatici, mentre, nel frattempo, i presidenti dei maggiori paesi industrializzati decidono sul da farsi. Anche il l vicedirettore generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura, René Castro, ha apprezzato questo studio.

Il progetto ha richiesto un lavoro intenso da parte dei ricercatori, i quali si sono serviti degli ultimi strumenti tecnologici all’avanguardia, come Google Earth Engine, e hanno esaminato circa 80 mila fotografie satellitari di aree forestali protette in tutto il mondo, per valutare la copertura degli alberi in ciascuna area geografica.

Hanno individuato 6 possibili paesi ospitanti tra cui la Cina, gli Stati Uniti, la Russia, l’Australia, il Canada e il Brasile. Tuttavia, nonostante i buoni propositi da parte dei ricercatori, sul piano internazionale le tendenze si stanno muovendo nella direzione opposta.

Scorri verso il basso per altri interessanti articoli.

Cosa ne pensi di questa possibile soluzione? Lasciaci un commento e condividi il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere queste interessanti informazioni. Seguici per altre notizie, storie e curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Curiosandosimpara.com è presente anche su Google News, se vuoi rimanere sempre aggiornato con le nostre notizie SEGUICI QUI

Potrebbe interessarti:
Back to top button