Una mamma è scoppiata in lacrime quando ha scoperto che i compagni di classe di suo figlio non hanno voluto firmare il suo annuario scolastico

Per poter crescere serenamente, per un bambino è molto importante avere l’appoggio e il sostegno dei suoi coetanei, per questo, quando in una scuola si verificano degli episodi di bullismo è bene non ignorarli.

Di fatto, si tratta di un problema che è all’ordine del giorno in quasi tutte le scuole del mondo, tuttavia, sono sempre di più le persone che si ribellano a questi comportamenti e che cercano attraverso la gentilezza di insegnare a tutti i bambini che per avere dei buoni amici è necessario avere nei conftonti del prossimo degli atteggiamenti positivi.

Facebook/Cassandra Cooper

Brody Ridder è un bambino di 12 anni che vive in Colorado insieme alla propria famiglia e che da quando un paio di anni fa ha cambiato scuola, ha iniziato ad essere la vittima preferita di alcuni ragazzini che lo hanno letteralmente preso di mira. Cassandra Ridder, la mamma di Brody, dopo aver scoperto che il proprio figlio stava vivendo un vero e proprio incubo, ha deciso di intervenire esponendo il problema ai responsabili dell’istituto e dal mese di febbraio le cose sembravano essere migliorate, poiché il piccolo non aveva più subito nessun attacco da parte dei suoi compagni di classe.

Facebook/Cassandra Cooper

Tuttavia, il 24 maggio, dopo aver ricevuto il proprio annuario scolastico, Brody, entusiasta come tutti i suoi compagni, ha chiesto agli altri ragazzi di firmarglielo, ma nessuno di loro ha voluto farlo. Così, una volta arrivato a casa, Cassandra si è resa conto che sull’annuario c’erano solamente le dediche di un paio di bambini, di due insegnanti e di Brody, il quale ha scritto a se stesso: “Spero tu possa avere più amici“.

Dopo aver letto quelle parole, Cassandra non ha potuto fare finta di nulla e senza dire niente al proprio figlio ha deciso di scrivere un messaggio sul gruppo dei genitori della scuola, affinché tutti potessero sapere quanto una mamma ed un papà possano sentirsi impotenti di fronte ad atteggiamenti simili.

Facebook/Cassandra Cooper

La donna ha condiviso la foto della pagina dell’annuario di Brody ed ha scritto: “Il mio povero figlio. Non sembra che la situazione stia migliorando. Due insegnanti e un totale di due studenti hanno scritto sul suo annuario. Anche se Brody ha chiesto a tutti i ragazzi di firmarlo. Così, Brody ha pensato di scrivere a se stesso. Il mio cuore si è spezzato“.

Nonostante Cassandra si aspettasse dei messaggi di solidarietà da parte delle persone, quello che è successo in seguito l’ha letteralmente lasciata a bocca aperta, perché quella che per suo figlio era stata una terribile esperienza si è trasformata in un vero e proprio cambiamento.

Facebook/Cassandra Cooper

Oltre ad aver ricevuto decine e decine di messaggi di sostegno, il giorno successivo, quando Brody è andato a scuola, tantissimi ragazzi delle classi superiori lo hanno raggiunto per poter firmare il suo annuario. Joanna Cooper, una ragazza di 17 anni, è venuta a conoscenza della storia di Brody grazie ai suoi genitori e, per questo, ha deciso di riunire alcuni suoi amici per firmare l’annuario del piccolo.

Ma non solo Joanna, perché anche Simone Lightfoot e Maya Gregory, due studentesse di 17 e 18 anni, essendo state a loro volta vittime di bullismo, quando hanno saputo della storia di Brody hanno chiamato tutti i loro amici che insieme a loro si sono presentati per firmare l’annuario del piccolo.

Facebook/Cassandra Cooper

Oltre ad avere più di 100 firme sul proprio annuario, Brody ha scambiato il proprio numero di telefono con altri ragazzi con i quali sta nascendo una bella amicizia.

Scorri verso il basso per altri interessanti articoli.

Sai che ora abbiamo aperto un nuovo canale Telegram? Richiedi l’accesso per non perderti i nostri contenuti. CLICCA QUI

Cosa ne pensi della storia di Brody? Condividi il contenuto e seguici per altre notizie, storie e curiosità su Curiosando si impara.

Back to top button