Una bimba di 2 anni diventa blu in viso ed inizia a vomitare sangue: alcune ore dopo perde la vita

Quando qualcuno muore è sempre terribile, ma quando si tratta di un bambino è anche peggio; inoltre, se la morte è avvenuta a causa di un incidente o di un qualcosa che era possibile evitare è ancora più tragico.

Purtroppo, Stephanie e Brian Florer hanno vissuto questa tremenda situazione sulla propria pelle, in quanto la figlia, Brianna Florer, è deceduta a soli due anni, due giorni dopo Natale.

Kent Vice, il nonno di Brianna, ha raccontato al quotidiano “The Oklahoman” che la piccola nei giorni precedenti alla sua morte era stanca ed aveva un po’ di febbre. Però, poiché la febbre non era alta i genitori pensarono che presto sarebbe migliorata.

Ma solo due giorni dopo il Natale la bimba ha iniziato a tossire sangue e tutto ad un tratto è diventata blu in viso, così i genitori hanno immediatamente chiamato l’ambulanza; le condizioni di Brianna erano molto critiche e dovettero operarla d’urgenza.

Per oltre due ore, i medici hanno lottato per fermare l’emorragia, però era già troppo tardi.

Brianna non ce l’ha fatta

La bimba aveva ingoiato una pila delle dimensioni di un bottone. I medici hanno detto che una batteria è rimasta incastrata ed è fuoriscito il liquido. L’acido della pila ha perforato l’esofago ed ha causato l’emorragia mortale. Si pensa che la piccola abbia ingerito la pila almeno 6 giorni prima del decesso.

Secondo il National Poison Centre, tra il 2005 ed il 2014, sono stati 11.940 i casi di bambini che hanno ingoiato delle batterie ed i casi di decesso sono stati solamente 15. Gli esperti affermano che, nella maggior parte dei casi, le pile riescono ad essere espulse senza causare danni, il problema sorge quando si bloccano ed iniziano a secernere la sostanza alcalina.

Facebook /Carly Willis KSN

La famiglia della piccola Brianna è completamente distrutta, ma spera che la morte dell’amata figlia possa aiutare a rendere consapevoli più persone possibili su questo minuscolo ma letale pericolo. Raccomandano a tutti di prestare molta attenzione quando i bambini giocano con degli oggetti che contegono queste piccole batterie, perché può bastare un solo secondo di distrazione.

Condividi questa storia per informare tutti sul pericolo.

Non dimenticare di appoggiarci con un Like sulla pagina Facebook Curiosando si impara.

Back to top button