Secondo la madre la figlia è disabile. Dopo 24 anni trovano la madre morta e scoprono una brutale verità

Nel giugno dell’anno 2015 Dee Dee Blanchard è stata trovata morta all’interno della sua casa.

La figlia della donna, Gypsy Rose Blanchard, è stata condannata a 10 anni di prigione per essere complice dell’omicidio.

Ma niente era come sembrava…

Si tratta, probabilmente, di una delle vicende più macabre e strane di tutta la storia criminale.

Fin da quando era una bambina, Gypsy ha dovuto lottare contro diverse malattie croniche.

Quando ha compiuto 7 anni, i medici le hanno diagnosticato una distrofia muscolare, una malattia che causa un’atrofia progressiva alla muscolatura scheletrica e porta anche problemi allo stomaco ed al cuore.

La madre, Dee Dee, è sempre stata al fianco della figlia ed ha lottato con tutte le sue forze affinché la piccola potesse ricevere le migliori cure possibili.

Dee Dee parlava spesso in pubblico delle complicate malattie che affliggevano la propria bimba, tanto che era riuscita a destare l’empatia di molte persone ed a ricevere diversi aiuti, sia dai propri cari che da persone estranee alla famiglia.

Madre e figlia, spesso, comparivano insieme su diverse riviste, programmi televisivi e galà di beneficenza.

Il risultato? A Gypsy ed a Dee Dee arrivavano moltissime donazioni e denaro. Molte persone, da tutto il paese, donavano loro dei soldi per poter far fronte alle costose cure che doveva affrontare la ragazza e per le spese di ogni giorno.

Per più di 10 anni Gypsy è rimasta seduta su una sedia a rotelle ed ha affrontato diverse terapie mediche con il sostegno di sua madre. Dee Dee era molto ammirata e veniva considerata una madre esemplare sia dai medici che da tutta la propria famiglia.

Però, molto presto, le autorità ed il resto del mondo avrebbero scoperto la cruda verità. Tutti i dettagli vennero alla luce in seguito all’omicidio di Dee Dee, il 14 giugno del 2015.

Anche se la madre aveva dichiarato che Gypsy era un’adolescente che soffriva di una malattia incurabile e che, inoltre, aveva le capacità mentali di un bambino, in relatà Gypsy aveva 24 anni e poteva camminare. Alla ragazza, per questi motivi, venne negata un’educazione scolastica e la stessa madre le fece credere di avere molti anni in meno di quelli che in realtà aveva.

L’assassinio mise in evidenza la grande menzogna che avvolgeva tutta la sua vita, in quanto Gypsy era una persona senza alcun problema, né fisico né mentale.

Gypsy ha affermato che la madre l’aveva obbligata a vivere come se fosse malata e come se avesse dei problemi mentali per la maggior parte della sua vita.

Per molto tempo la donna era riuscita a convincere i medici sulle condizioni di Gypsy. Le prescrissero migliaia di farmaci inutili e realizzarono sulla giovane complicati ed invasivi controlli, dei quali non ha mai avuto bisogno. A causa degli innumerevoli cocktail di farmaci che la madre la obbligava a prendere perse diversi denti; una volta tentò di fuggire, ma ben presto venne ritrovata dalla madre che la minacciò di spezzarle tutte le dita delle mani se avesse riprovato a farlo.

La figlia era il pezzo più importante per una terribile e malata bugia. Alla fine era Dee Dee che raccoglieva i frutti e con queste menzogne divenne ricca sulle spalle degli altri.

Nel 2013, Gypsy conobbe sul web un ragazzo di nome Nicholas Paul Godejohn, il giovane soffre di una leggera forma di autismo e ben presto i due, ingenuamente, iniziano una relazione che portò la ragazza a fidarsi di lui, al punto da confessargli la terribile verità sulla propria esistenza ed a pianificare il delitto della madre.

Durante le indagini per l’omicidio di Dee Dee vennero interrogate tutte le persone più vicine alla coppia ed alla fine la polizia scoprì tutta la verità. Gypsy confessò che non poteva più sopportare gli abusi della propria madre e, per questo, decise di ucciderla.

Attualmente Gypsy Rose Blanchard e Nicholas Paul Godejohn si trovano in carcere.

Sembra orribile che una figlia abbia potuto assassinare la propria madre ma, di fatto, non è meno crudele tutto quello che ha fatto passare una madre alla propria figlia. Cosa ne pensi?

Condividi per sapere cosa ne pensano i tuoi amici di Facebook e non dimenticare di appoggiarci con un Like sulla pagina Facebook Curiosando si impara.

Condivisioni 2K

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *