La mamma vede delle macchie rosse sul viso della propria bimba, mette una telecamera nascosta e scopre l’orribile verità

Nella maggior parte dei paesi, il tempo che una mamma può assentarsi dal lavoro per maternità non è molto. Le mamme non possono rimanere molti mesi con il proprio bebé per prendersene cura ed ancor meno i papà, i quali dispongono solamente di pochi giorni di permesso quando nasce il  bimbo.

Le famiglie, pertanto, non hanno altra alternativa che quella di lasciare i propri figli nelle migliori mani possibili. Possono essere familiari, baby sitter o asili nido e la speranza di ogni genitore è quella che il proprio figlio possa stare con persone che si prendono cura di lui con amore e affetto, proprio come farebbero loro.

In Vietnam, una mamma ed un papà assunsero una donna per aiutarli con la propria bimba di pochi mesi, di modo che si prendesse cura di lei mentre dovevano assentarsi da casa per lavoro. Però, un giorno si accorsero che la piccola aveva delle macchie rosse sul viso e faticava a dormire, così iniziarono a pensare che ci fosse qualcosa che non andava.

In quel momento, la baby sitter di 51 anni stava lavorando per loro già da un paio di mesi.

La famiglia decise di mettere una telecamera nascosta in casa e quando videro le immagini rimasero sconvolti.

Nel video si vede la donna mentre picchia più volte la bambina, sia sul corpo che sul viso. Dopodiché, la lancia per aria ed anche se non c’è audio, si nota chiaramente che la piccola piange disperatamente.

Come la madre ha visto il video ha chiamato subito la polizia e la donna è stata arrestata. Dopodiché, il video è stato condiviso sulla piattaforma di Youtube.

Secondo la fonte World Vision Vietnam, ogni anno, in questo paese vengono denunciati ben 4000 casi di maltrattamento infantile.

Di seguito è possibile vedere il video, però, prima di guardarlo è bene sapere che si tratta di immagini molto forti:

https://youtu.be/eqju0_cw6l8

Nessun bimbo dovrebbe subire alcun tipo di abuso.

Lasciaci un commento e non dimenticare di condividere questa storia con i tuoi amici e di appoggiarci con un Like sulla pagina Facebook Curiosando si impara.

Potrebbe interessarti:
Back to top button