5 tipi di dolori alla pianta del piede e come migliorare i sintomi

Provare dolore alle piante dei piedi è molto più comune di quanto si potrebbe pensare. Se il tuo dolore non è legato a certe scarpe che stai indossando, allora potrebbe indicare un problema di salute. Di seguito puoi trovare cinque possibili problemi che provocano dolore alla pianta del piede:

1# Metatarsalgia: si tratta di una parola elegante per definire un’infiammazione dolorosa che interessa la zona dove si trovano le ossa metatarsali, all’altezza dell’avanpiede. Questo tipo di dolore, solitamente, si scatena quando si utilizzano delle scarpe troppo strette, ma anche le scarpe con il tacco giocano un ruolo determinante, inoltre, anche l’esercizio fisico troppo intenso può provocare questo disturbo. Soluzione: il riposo può aiutarci molto, evitare scarpe con il tacco o lunghe camminate e se il dolore non diminuisce è bene chiedere consiglio al medico.

2# Fascite plantare: si tratta di un altro tipo di infiammazione che può partire dal tallone ed estendersi fino alle dita. Se sei un atleta o fai un lavoro che ti obbliga a stare in piedi durante dei lunghi periodi di tempo, è probabile soffrire di questo disturbo. Il dolore è più forte di mattina appena svegli, perché i movimenti del piede richiedono un allungamento dei tessuti che sono ancora contratti. Soluzione: il riposo aiuta ad alleviare l’infiammazione ed anche applicare del ghiaccio può calmare il dolore, ignorare il sintomo attenuando il fastidio con degli analgesici non ci farà guarire. Se anche con il riposo la situazione non migliora è bene consultare il medico.

3# Piedi piatti: le arcate sono fondamentali per appoggiare i piedi e per muoverci senza problemi. Se hai i piedi piatti, alla lunga, la pianta del piede può iniziare a fare male. Soluzione: è bene consultare un ortopedico di modo che possa consigliare degli esercizi di fisioterapia o dei plantari su misura.

4# Sesamoidite: le ossa sesamoidi sono due piccole ossa presenti nel piede, proprio sotto all’alluce. Hanno la forma dei semi di sesamo e sono poco più grandi di una nocciolina. Il termine ossa sesamoidi indicano delle ossa contenute nel contesto di un tendine, in pratica sono avvolte dai tendini e la loro funzione è quella di rafforzarne i punti deboli. La sesamoidite è un infiammazione dei tessuti molli che circondano questa zona, la quale causa dolore e gonfiore. Si può attribuire ad una camminata troppo intensa dove il peso del corpo non è stato distribuito in modo uniforme, ma anche per un’eccessiva attività fisica o per l’uso frequente di scarpe col tacco. Soluzione: il riposo è il modo migliore per risolvere il problema, evitare di camminare molto e nel caso in cui il fastidio non dovesse scomparire rivolgersi al proprio medico per chiedere un consiglio.

5# Spina calcaneare: si tratta di uno sperone osseo anomalo che può formarsi all’altezza del calcagno. Solitamente questo disturbo è causato da una errata postura dove il peso del corpo non viene ben distribuito sulle piante dei piedi, o per l’ulizzo di scarpe che comportano una modificazione dell’arco plantare, o per correre su superfici molto dure, o ancora per via di un peso corporeo eccessivo. Soluzione: rimanere a riposo e consultare un medico che possa consigliarci la cosa migliore da fare, inoltre anche lo stretching può aiutare molto.

Conoscevi questi disturbi che possono colpire i piedi? Lasciaci un commento e salva i contenuti sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere queste interessanti informazioni. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Back to top button