Un uccellino con disabilità ha ricevuto delle scarpette ortopediche che hanno reso la sua vita migliore

Ci sono molte persone a cui piacciono gli animali, ma quando si tratta di doverli aiutare, sono in tanti ad ignorare, lasciandoli soli nella loro sofferenza. Fortunatamente, però, alcuni umani non riescono a rimanere indifferenti di fronte al dolore e alle ingiustizie e, per questo, decidono di aiutarli.

L’equipe di persone che lavora nel California Wildlife Center è abituata ad avere a che fare con animali feriti. Un giorno, gli avevano segnalato che per la strada c’era un uccellino indifeso che aveva dei problemi alle zampette.

Molte persone gli passarono a fianco senza fare nulla, ma questo gruppo di amici degli animali non ci ha pensato due volte e si è messo all’opera per aiutarlo.

Potrebbe interessarti Ha 67 anni, vive su una montagna e si prende cura di più di 400 animali che sono stati salvati dall’abbandono

L’uccellino era senza forze e non riusciva a camminare. Il problema di questo uccellino era una sorta di nodo che si era formato tra le sue dita, una cosa abbastanza comune, specialmente negli esemplari più giovani. Riusciva solamente a stare sulle punte e questo gli provocava molta sofferenza.

Il personale del centro ha pensato di risolvere questo problema in un modo molto creativo, hanno realizzato delle piccole “scarpette ortopediche” che hanno aiutato l’uccellino a ritornare a camminare. Una specie di ingessatura improvvisata.

Solitamente, ci vogliono due o tre settimane di utilizzo delle scarpette prima che la zampa possa ritornare alla normalità“, ha spiegato Duane Tom, del California Wildlife Center.

Dopo il trattamento, il passerotto è riuscito di nuovo a camminare ed è tornato a volare per la gioia di tutti.

Potrebbe interessarti Un circo tedesco sostituisce gli animali con gli ologrammi, senza crudeltà

Cosa faresti se trovassi uno di questi piccoli animali feriti? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano dirti la loro opinione. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

141K Condivisioni

Cosa ne pensi?


Potrebbe interessarti:
<
>