Dolce & Gabbana diventa il primo marchio di lusso ad avere taglie per tutti i tipi di corpo

Dolce & Gabbana è uno dei marchi di lusso tra i più conosciuti a livello mondiale, fondato dagli italiani Domenico Dolce e Stefano Gabbana.

L’azienza Dolce & Gabbana supporta da anni i modelli curvy, ma ora è diventato il primo marchio di lusso che ha esteso la propria gamma di modelli realizzandoli fino alla taglia 54, divenendo così uno dei marchi di stilisti più inclusivi per le donne.

Il portavoce dell’azienda ha affermato che l’estensione delle dimensioni riflette una delle chiavi fondamentali della missione del marchio, secondo cui “la bellezza delle donne non è una questione di dimensioni dell’abito che indossa“.

L’estensione delle dimensioni della collezione donna è un’evoluzione naturale per Dolce & Gabbana. Il marchio ha sempre sottolineato le silhouette delle donne indipendentemente dalle misure“, ha sottolineato.

Negli anni passati, Dolce & Gabbana ha ingaggiato donne di tutte le età e misure per sfilare sulle proprie passerelle, tra cui l’attrice Monica Bellucci e le modelle Ashely Graham e Tess McMillan. Ma ora è finalmente arrivato un vero cambiamento che può portare un miglioramento significativo nel modo in cui il mondo vede la moda.

Anche se si potrebbe pensare che si tratti di un qualcosa di poco conto, non lo è affatto. Stiamo parlando di uno tra i più importanti avvenimenti nel mercato della moda che, fino ad oggi, è stato rappresentato da modelle magre come sinonimo di “bellezza”, dove i chili di troppo sono stati sempre visti come un qualcosa di negativo.

E grazie ad azioni come queste, quel modo di pensare può essere gradualmente dimenticato, smettendo di credere che solo le donne magre siano belle.

Speriamo che sempre più marchi possano seguire il loro esempio, è necessario.

Cosa ne pensi di questo meraviglioso cambiamento? Lasciaci un commento e salva il contenuto sul tuo diario così che anche i tuoi amici possano leggere queste interessanti informazioni. Seguici per altre curiosità sulla pagina Curiosando si impara.

Fonte immagini: revistapazes

Potrebbe interessarti:
Back to top button